Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Tony Zermo e l'Apocalisse

L'editorialista de "La Sicilia" in manzoniana data ha rievocato i fasti di Catania, individuando come causa della caduta della "Milano del Sud" la fuga dei famosi quattro cavalieri del lavoro. Ma lo storico-giornalista omette qualcosa

Luciano Granozzi

In un articolo intitolato 'Dopo i fasti in bianco e nero, una città che vuole rinascere', pubblicato sul quotidiano "La Sicilia" del 5 maggio 2011, Tony Zermo, lo storico-giornalista ed editorialista del quotidiano catanese, ha indossato definitivamente i panni dello storico senza altri attributi. Confermando il ruolo che ha sempre avuto e nessuno potrà mai contestargli: quello di maître à penser e grande educatore della classe dirigente cittadina.

Dopo aver rievocato la Catania "com'era" («Mi piaceva la vecchia Catania - scrive - che era piccola e concentrata dove ci conoscevamo tutti»), dopo aver rimpianto i tempi d'oro della «mitica e dimenticata Milano del Sud», spiega in quattro battute quale fu il sassolino che fece inceppare il prodigioso ingranaggio: «Poi ci fu il tracollo quando furono inquisiti i quattro cavalieri del lavoro Costanzo, Rendo, Graci, Finocchiaro. Rappresentavano il fiore all'occhiello dell'imprenditoria del Sud, capaci di costruire intere città chiavi in mano, e li chiamarono i "cavalieri dell'Apocalisse". Spariti loro, sparirono anche diecimila posti di lavoro e i grandi appalti finirono tutti al Nord. Un vecchio direttore di banca mi dice che "emigrarono verso le regioni rosse 40 mila miliardi di lavori". Non siamo nostalgici, raccontiamo fatti. Catania si ritrovò più povera, più sola e più malfamata», scrive.

Ci voleva un Tony Zermo per sintetizzare in maniera così adamantina l'interpretazione dell'ascesa e del declino di Catania. Questo riepilogo, che ha la forza interpretativa di un Edward Gibbon, rimarrà negli annali della storia ufficiale della città nella seconda metà del XX secolo. Con una piccola omissione, dovuta forse a un senso di pudore. Non ha citato per nome Giuseppe Fava, l'inventore del malaugurato appellativo. Ha dimenticato di aggiungere l'aggettivo: li chiamarono "i quattro cavalieri dell'Apocalisse mafiosa".

  *Prof. di Storia Contemporanea, Facoltà di Lingue e Letterature Straniere di Catania

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews