Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Raccolta rifiuti, è in dubbio la proroga a Sen.Eco.
Nell'incontro Bianco-sindacati ipotesi gara-ponte

Il primo cittadino ha ricevuto, questa mattina, i rappresentanti delle organizzazioni sindacali che tutelano gli interessi del cosiddetto bacino prefettizio. Vale a dire l'elenco di 105 persone, licenziate da altre aziende, che attendono una stabilizzazione nel settore della nettezza urbana. E le possibilità prospettate includono un colpo di scena

Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Nel caos sulla raccolta della spazzatura a Catania spunta una nuova variabile: che si faccia un'altra gara-ponte. Da preparare, pubblicare e concludere nei prossimi dieci giorni. È questa la novità emersa oggi durante l'incontro tra il primo cittadino Enzo Bianco e i sindacati che difendono i diritti dei lavoratori del cosiddetto bacino prefettizio. Centocinque persone, licenziate dalle precedenti aziende, che attendono da mesi di essere stabilizzate nel settore dell'igiene urbana cittadina. Gli ultimi contratti a tempo determinato sono scaduti intorno a metà febbraio e, al termine di marzo, per loro non ci saranno neanche più gli ammortizzatori sociali. Così, con l'inchiesta Garbage affair che ha scoperchiato un presunto sistema di corruzione nella gestione dell'appalto, gli operai hanno forzato la mano: ieri hanno occupato per ore l'incrocio tra via Etnea e via di Sangiuliano, ottenendo che stamattina i loro rappresentanti venissero ricevuti dal sindaco.

Così le sigle sindacali si sono presentate oggi a Palazzo degli elefanti numeri alla mano: quelli delle 105 persone disposte di nuovo a proteste eclatanti per garantirsi un impiego. «L'esito dell'incontro è stato certamente positivo - dichiara a MeridioNews Alfio Leonardi, sindacalista Cgil - Abbiamo segnato un passo importante verso la soluzione della questione del bacino prefettizio. Il sindaco ha preso una serie di impegni in prima persona». Il primo è capire se il commissario straordinario di Senesi - che ancora deve insediarsi e che a Catania non si è mai fatto vedere - intenda o meno accettare una nuova proroga del servizio al raggruppamento temporaneo d'imprese Sen.Eco., composto appunto da Senesi e dal colosso romano Ecocar. Qualora l'amministratore prefettizio opponesse un rifiuto, l'opzione potrebbe essere una soltanto: un secondo mini-bando. Nell'ambito del quale Bianco intenderebbe tentare di negoziare anche le posizioni dei 105 lavoratori definiti «a singhiozzo».

Del resto, i dipendenti transitati dai vari appalti (oltre 650 persone) non sarebbero sufficienti. E a dimostrarlo ci sarebbero i continui disservizi e la cattiva esecuzione dello spazzamento e della pulizia in città. Una nuova gara-ponte - dello stesso genere di quella che ha portato Sen.Eco. a lavorare all'ombra dell'Etna per quasi un anno - sarebbe da fare in tempi brevissimi: il contratto precedente scade al termine di questo mese, dopo 318 giorni e un costo di quasi 36 milioni di euro. Prima di allora, quindi, bisognerà capire quale sarà l'azienda - o le aziende - in grado di intestarsi un micro-appalto per la spazzatura cittadina con così poco preavviso. Non solo una questione di tempi, ma anche di strumenti. «Non ci sono ancora certezze - puntualizza Corrado Tabbita Siena dell'Usb - Finché non si avranno notizie dal commissario di Senesi non si potranno fare previsioni più precise».

Il primo cittadino avrebbe prospettato una procedura negoziata da svolgersi di concerto con la prefettura, attingendo all'elenco di imprese regolarmente iscritte alla white list della prefettura di Catania. Una garanzia, certo, ma non equivalente a quella fornita - allo stato attuale - dalla prosecuzione con Sen.Eco: sia Senesi sia Ecocar sono amministrate da commissari messi lì dallo Stato. E l'inchiesta della magistratura ha fatto sì che venissero puntati i fari sull'attuale sistema, stringendo le manette attorno ai polsi di presunti corrotti e corruttori. La strada che sarà intrapresa dall'amministrazione sarà resa chiara, per forza di cose, nei prossimi giorni. Per venerdì, intanto, i lavoratori del bacino prefettizio avrebbero chiesto comunque di incontrare la prefetta Silvana Riccio. Nella speranza di ottenere rassicurazioni dalla rappresentante territoriale del governo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews