Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Tre persone morte nell'esplosione di via Garibaldi
Trovato un cadavere carbonizzato nella bottega

Due delle vittime sono uomini dei vigili del fuoco, che erano intervenuti sul posto intorno alle 19.30 a seguito della segnalazione di una fuga di gas proveniente da un immobile al pianterreno della palazzina. Il terzo cadavere, invece, dovrebbe essere quello del 60enne gestore di un deposito di biciclette. Guarda il video e le foto

Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Gli uomini dei vigili del fuoco, assieme alle unità cinofile, sono riusciti a entrare nella bottega di via Sacchero 4 solo intorno alle 21. Erano lì da ore. Cioè da quando, intorno alle 19.30, era arrivata alla centrale operativa la segnalazione di una fuga di gas nei pressi dell'incrocio tra via Garibaldi e via Plebiscito. Le vittime della violenta esplosione che si è verificata poco dopo sono almeno tre: due pompieri, Giorgio Grammatico (37 anni) e Dario Ambiamonte (39 anni), che stavano tentando di aprire la porta dello stanzone al pianterreno dove era stata segnalata la puzza di gas, e un terzo uomo. L'ipotesi più accreditata è che si tratti di Giuseppe Longo, il 60enne gestore di un deposito di biciclette, ma il cadavere carbonizzato è del tutto irriconoscibile. 

Gli uomini dell' Asec, l'azienda che gestisce il servizio del gas in città, hanno escluso che si sia trattato di una perdita proveniente dalle tubature. Accreditando così l'ipotesi che la deflagrazione sia collegata a una bombola contenuta nella stanza che - secondo quanto riferito dai residenti - era stata adibita a deposito di bici dall'anziano titolare. In base a quanto si apprende, oltre ai tre morti ci sono almeno due feriti appartenenti al corpo dei vigili del fuoco. Questi ultimi, ricoverati all'ospedale Garibaldi di Catania, non sono in pericolo di vita. Si tratta di un caposquadra e di un vigile semplice: uno ha una spalla rotta, l'altro un trauma cranico e una perforazione a un polmone.

La ricostruzione al momento disponibile comincia alle 19.25, quando la squadra dei pompieri viene inviata in via Garibaldi, all'altezza del civico 335, per una possibile fuga di gas proveniente da una bottega al pianterreno. Mentre i vigili tentavano di entrare da uno degli ingressi dello stanzone, sarebbe partita la deflagrazione che avrebbe scaraventato lontani gli uomini intervenuti per i soccorsi. A differenza di quanto diffuso da alcuni organi di stampa, i vigili del fuoco smentiscono nettamente di avere utilizzato un flex per tentare di aprirsi un varco nella saracinesca.

I cadaveri sono stati trasferiti all' obitorio del vicino ospedale Vittorio Emanuele. Le forze dell'ordine sono entrate nello stanzone, all'interno del quale sono visibili anche a distanza le macerie. Le unità cinofile cercano tra i detriti eventuali altri cadaveri. Sul posto, oltre ad ambulanze e a parecchi mezzi del 115, anche gli agenti di polizia e i militari dei carabinieri. La procura di Catania ha aperto una indagine sulla vicenda. Dal varco che le forze dell'ordine sono riuscite ad aprire, sono state tirate fuori tre bombole di gas - ancora integre - che sono state posizionate sul marciapiedi. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×