Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Elezioni Mascalucia, saltano i confini fra i partiti
Con Magra si alleano Sammartino e centrodestra

L'architetto guida una grosse koalition fatta di quelle forze che, nel 2013, lo avevano portato alla sconfitta al ballottaggio contro il sindaco Giovanni Leonardi, non ricandidatosi. A sfidarlo l'ex presidente di Mosema Concetta Italia, il rampollo Francesco D'Urso Somma e Alessandro Salerno per i grillini

Francesco Vasta

A Mascalucia, il terzo comune più popoloso fra i 22 del Catanese al voto a giugno, ha già visto la luce una convergenza politica che è prima di tutto una chimera. Per la successione al sindaco Giovanni Leonardi, fattosi da parte qualche settimana fa rinunciando alla ricandidatura, scatta infatti in prima fila il suo sfidante battuto al ballottaggio del 2013, Enzo Magra. L'architetto è diventato la più forte calamita in campo per le varie branche di centrodestra e centrosinistra che, sul piano locale, vanno ancora una volta in ordine sparso. E così contribuiranno alle sei liste, o forse più, della sua coalizione sia gli uomini del deputato regionale Pd Luca Sammartino che quelli più o meno organici a Forza Italia e altri partiti del centrodestra

La prima delle contraddizioni di questa campagna elettorale va di pari passo con la seconda, conseguenza di un'alleanza che a Mascalucia da tempo non è una novità. A scegliere l'ex avversario Magra è proprio il grosso della maggioranza uscente di Leonardi, legato all'area di Articolo 4, al fianco dell'altra anima prevalente della coalizione, il centrodestra ex Pdl. Proprio questo gruppo - guidato da volti come il vicesindaco uscente Fabio Cantarella, oggi leader locale della Lega di Matteo Salvini - spianò la strada alla sconfitta di Magra, alleandosi con Leonardi al ballottaggio. Cinque anni fa accanto al nome dell'architetto c'era il Megafono di Rosario Crocetta: oggi, invece, potrebbero spuntare i simboli di FI e alleati, oltre a quelli dei contenitori sammartiniani. Il dilemma verrà sciolto a breve, anche se la linea prevalente sembra essere quella di non intaccare l'impronta civica della coalizione. Sarebbe questo l'abito più calzante per un matrimonio destra-sinistra - già visto ad esempio nella vicina Sant'Agata li Battiati e quasi realtà anche ad AdranoBelpasso - che rompe confini partitici per la verità già più che terremotati.

A suggellare il patto fra ex avversari dovrebbero pure arrivare i legami di famiglia: in una delle liste di Magra ci sarà anche il fratello del sindaco uscente, Nuccio Leonardi, in passato già consigliere. Nella quindicina di uscenti di maggioranza pronti a ricandidarsi con l'architetto, compaiono anche i consiglieri Andrea Guglielmino e Pietro Amantia - legati ai forzisti Dario Daidone e Salvo Pogliese - Fabio Mondelli, Valentina Lombardo e, in quota Sammartino, altri consiglieri uscenti come Damiano Marchese e Mario Marino e il presidente dell'aula Alfio D'Urso. E dovrebbe esserci anche quel Santo Giordano travolto dalle polemiche durante la campagna per le Regionali. L'ex assessore del sindaco Leonardi era stato revocato a settembre dopo la diffusione di una telefonata in cui discuteva con un dipendente della partecipata Mosema, gestore dell'igiene urbana a Mascalucia: in cambio di un voto per il suo riferimento politico Sammartino, secondo la ricostruzione di allora, poteva profilarsi un rinnovo del contratto di lavoro. 

S'innesta qui un altro paradosso: tra gli sfidanti della corazzata azzurro-sammartiniana c'è proprio la ex presidente di Mosema Concetta Lucia Italia, sostenuta dai dem rimasti fuori dalla grosse koalition di Magra, cioè gli uomini vicini ad Anthony Barbagallo e all'area Cgil di Angelo Villari e Concetta Raia. Un posto in squadra dovrebbe averlo anche il candidato sindaco Pd del 2013, Claudio Pappalardo. Con Italia ci sono anche gli ex Mpa del già sindaco per nove anni Salvatore Maugeri, nel 2013 riuniti intorno alla candidatura di figlio Ignazio.

Un altro portatore di cognome pesante è il terzo candidato sindaco della partita: Francesco D'Urso Somma, figlio di Giuseppe, ex deputato regionale del Partito Liberale ed ex sindaco di Mascalucia. Fratelli d'Italia e l'Udc di Giovanni Pistorio contribuiranno alle sue liste, così come farà qualche forzista rimasto fuori dalla coalizione di Magra. Non sarà del gruppo il consigliere uscente Carmelo Tropea: il fratello dell'imprenditore della sanità Massimo (a sua volta a un passo dalla candidatura con l'Udc alle Regionali) sarebbe pronto ad andare in lista non a Mascalucia, bensì alle Comunali a Catania, tra le fila di Diventerà bellissima

Vorrebbe infine far saltare il tavolo di alleanze trasversali, corsi e ricorsi, il Movimento 5 stelle incarnato negli ultimi cinque anni dall'ex candidata sindaca Agata Montesanto. Ѐ Alessandro Salerno, docente di filosofia del liceo Marchesi di Mascalucia, il candidato sindaco dei grillini. Protagonista pochi giorni fa di un'inquietante denuncia:  davanti la porta di casa, nel giorno del lancio del suo progetto, ha rinvenuto una testa di gallo mozzata.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews