Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

A Catania l’Hdemia c'è, ma non si vede

Tribeart, la Guida mensile agli eventi d'arte in Sicilia online dal lontano 1999, incontra gli studenti dell'Accademia di belle arti che, nonostante siano numerosi, sono poco presenti nel panorama artistico catanese dominato da “pochi eletti”

Chiara Privitera

«Stimolare appassionati d'arte, artisti, curatori, galleristi o semplicemente informare sugli eventi d'arte» questi gli scopi di Tribeart secondo Alessandro Fangano, uno dei fondatori dello storico mensile su internet da quasi 12 anni.  L'incontro sul mensile dedicato all'arte in Sicilia si è svolto presso l'aula magna dell'Accademia di belle arti di Catania mercoledì 18 maggio. «Avendoli in casa, mi è sembrato giusto organizzare un evento nella nostra Accademia», così Gianluca Lombardo, docente di pittura e videoinstallazione.

La realtà artistica catanese è però piuttosto travagliata, a cominciare dalla scarsa partecipazione agli eventi artistici degli stessi studenti dell'Accademia - come riscontrato dalla redazione di Tribeart - che dovrebbero esserne i primi veri protagonisti. Per non parlare poi degli istituti pubblici per lo più inattivi (a cui sopperiscono le fondazioni private) e della mancanza, ad oggi, di un assessore alla Cultura, dopo le dimissioni di Marella Ferrera. L'Accademia di belle arti di Catania ha circa 2000 iscritti, il doppio rispetto a quella di Palermo. Eppure sembrano invisibili. «A Catania prevale l'individualismo, manca la capacità di fare "rete" - spiega Giuseppe Frazzetto docente di Accademia e collaboratore di Tribeart - a Palermo invece ci sono dei piccoli focolai artistici in grado di resistere e contagiare figure più giovani».

«Dovremmo essere noi adulti a guidare voi giovani, invece siamo paternalisti, vi guardiamo con sufficienza e voi giustamente avete paura! -  interviene Giuseppina Radice, docente di Storia dell'Arte, rivolgendosi direttamente ai suoi alunni - Quella stessa paura che insozza le vostre idee al nascere e che non gli permette di crescere».

Di certo Alessandro Fangano e Vanessa Viscogliosi non si sono fatti scoraggiare da nessuno, portando avanti la loro "avventura" editoriale, che oggi è realtà. 

«Dodici anni di attività, cominciata all'età di vent'anni - commenta Alessandro Fangano con fierezza, a nome anche di Vanessa Viscogliosi, redattrice e cofondatrice della rivista, che non ha potuto prendere parte all'incontro. Un percorso caratterizzato da una continua crescita, da scelte oculate e da impegno, costanza e coerenza, nonostante i numerosi ostacoli, soprattutto burocratici».

Tribeart nasce sul Web a Roma nel 1999, per poi trasferirsi a Catania nel 2001, due anni dopo si sviluppa il cartaceo: "Tribeart-La guida", un pieghevole sul modello di Art Guide di Roma.  Nel 2009 Tribeart diventa tabloid anche se è l'online che riscuote maggior successo.

Stampato in 8.000 copie, Tribeart è il primo mensile a distribuzione gratuita dedicato alle arti visive della Sicilia. Tante le rubriche, da "Urban" a "Spazi Aperti", fino a "Ricreazione" e molto altro. Il periodico, viene distribuito in Sicilia e in abbonamento in tutta Italia. È inoltre scaricabile dal sito internet, che conta ogni mese oltre 30.000 accessi.

Per giungere al risultato sopracitato, la redazione ha sempre dovuto lottare, soprattutto agli esordi quando, da un noto gruppo editoriale, ha ricevuto la domanda: «Ma voi quando morite?». «Non potevano perdere dal 5 all' 8% di pubblicità a causa di un prodotto free-press» spiega Alessandro Fangano. Le 16 pagine del tabloid sono curate attentamente, la pubblicità riguarda, infatti, esclusivamente gallerie d'arte, musei, librerie, strutture ricettive e tutto ciò che orbita intorno a manifestazioni artistiche e culturali. Anche la scelta di togliere la pubblicità dalla prima pagina va in controtendenza rispetto al mercato. Tribeart è così una sorta di tribù, si affida agli appassionati, agli artisti che sono gli stessi che distribuiscono il giornale o si abbonano, pur sapendo di poterlo reperire gratuitamente.  La grafica è innovativa,  i contenuti attenti ad ogni novità artistica e culturale, insomma, come disse qualcuno per complimentarsi: «Non sembra fatto in Sicilia».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×