Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

L'antimafia resiste sui muri e nelle piazze

È la terza volta in poco meno di un mese che i murales realizzati da Addiopizzo, simbolo dell'antimafia a Catania, vengono danneggiati e ripristinati. Ma i ragazzi non si fermano: ieri il corteo per ricordare Falcone, Borsellino e tutte le vittime della mafia

Redazione Step1

Coperta, imbrattata, storpiata e ripristinata: "Contro la mafia l'amore per la memoria e l'impegno dell'azione" è la scritta realizzata da AddioPizzo Catania per uno dei due murales pensati dall'associazione per la città: uno in via Felice Fontana, nei pressi dell'ospedale policlinico Garibaldi, l'altro lungo una parete in viale Ulisse.

Danneggiate per la prima volta, appena pochi giorni dopo il completamento del murales - circa tre settimane fa - la scritta e il logo dell'associazione di fronte l'ospedale erano state coperte con la vernice nera. Imbiancato il muro e rispristinata l'opera, appena due settimane fa l'enesimo sfregio. E ancora una terza volta, domenica 22 maggio, ecco comparire delle scritte denigratorie a macchiare i lavori dei ragazzi. Una sul murales di via Felice Fontana con scritto W i giudici della "circonvallazzione", l'altra appea sotto la raffigurazione di Falcone e della moglie in viale Ulissecon scritto W gli amici di Silvione con la croma della fiat, riferto con molta probabilità alle automobil su cui viaggiavano il giudice, la moglie e gli uomini della scorta al momento dell'attentato.

«Non abbiamo idea di chi possa essere stato. Di certo non pensiamo si tratti di comuni teppisti» - spiega Valentina Trovato di AddioPizzo. «Ci stiamo mobilitando per ripristinare ancora una volta la scritta di fronte all'ospedale Garibaldi e riparare il danno al murales in via Ulisse che raffigura Giovanni Falcone e la moglie, ancora in fase di ultimazione», racconta.

Nonostante questo, le iniziative antimafia in città non mancano. E se c'è chi ha interesse a imbrattare di vernice il simbolo e la memoria della lotta alla mafia, a Catania c'è anche chi questa memoria è impegnato a tenerla viva. A diciannove anni dalla strage di Capaci, nonostante la pioggia di ieri, una "marcia antimafia", organizzata dagli scout dell'Agesci, ha sfilato da Piazza Roma a Piazza Verga per concludersi, davanti al Palazzo di Giustizia, con l'annuale commemorazione di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e di tutte le vittime della mafia.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×