Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

L'antimafia resiste sui muri e nelle piazze

È la terza volta in poco meno di un mese che i murales realizzati da Addiopizzo, simbolo dell'antimafia a Catania, vengono danneggiati e ripristinati. Ma i ragazzi non si fermano: ieri il corteo per ricordare Falcone, Borsellino e tutte le vittime della mafia

Redazione Step1

Coperta, imbrattata, storpiata e ripristinata: "Contro la mafia l'amore per la memoria e l'impegno dell'azione" è la scritta realizzata da AddioPizzo Catania per uno dei due murales pensati dall'associazione per la città: uno in via Felice Fontana, nei pressi dell'ospedale policlinico Garibaldi, l'altro lungo una parete in viale Ulisse.

Danneggiate per la prima volta, appena pochi giorni dopo il completamento del murales - circa tre settimane fa - la scritta e il logo dell'associazione di fronte l'ospedale erano state coperte con la vernice nera. Imbiancato il muro e rispristinata l'opera, appena due settimane fa l'enesimo sfregio. E ancora una terza volta, domenica 22 maggio, ecco comparire delle scritte denigratorie a macchiare i lavori dei ragazzi. Una sul murales di via Felice Fontana con scritto W i giudici della "circonvallazzione", l'altra appea sotto la raffigurazione di Falcone e della moglie in viale Ulissecon scritto W gli amici di Silvione con la croma della fiat, riferto con molta probabilità alle automobil su cui viaggiavano il giudice, la moglie e gli uomini della scorta al momento dell'attentato.

«Non abbiamo idea di chi possa essere stato. Di certo non pensiamo si tratti di comuni teppisti» - spiega Valentina Trovato di AddioPizzo. «Ci stiamo mobilitando per ripristinare ancora una volta la scritta di fronte all'ospedale Garibaldi e riparare il danno al murales in via Ulisse che raffigura Giovanni Falcone e la moglie, ancora in fase di ultimazione», racconta.

Nonostante questo, le iniziative antimafia in città non mancano. E se c'è chi ha interesse a imbrattare di vernice il simbolo e la memoria della lotta alla mafia, a Catania c'è anche chi questa memoria è impegnato a tenerla viva. A diciannove anni dalla strage di Capaci, nonostante la pioggia di ieri, una "marcia antimafia", organizzata dagli scout dell'Agesci, ha sfilato da Piazza Roma a Piazza Verga per concludersi, davanti al Palazzo di Giustizia, con l'annuale commemorazione di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e di tutte le vittime della mafia.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×