Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

A Catania è tempo di sgomberi

Prosegue la linea dura contro "illegalità e degrado" del Comune di Catania. Dopo il palazzo di cemento a Librino, oggi è toccato all’ex palazzo delle Poste di viale Africa. Annunciati da giorni, l'assessore Pennisi, vigili urbani, pompieri e polizia stamattina l’hanno trovato deserto - Guarda il video di Leandro Perrotta

Agata Pasqualino

A differenza del primo immobile, quello sgomberato stamattina non è confinato nella periferia declassata della città, è in pieno centro. I catanesi lo conoscono bene, il palazzo delle Poste e sanno che l'occupazione da parte di circa 350 persone tra cui Rom e immigrati di diverse etnie – la maggior parte viene dalla Somalia, Mali, Guinea e Costa D'Avorio – e la frequentazione di drogati e prostitute, va avanti da anni ormai. Eppure, sembra quasi che la città abbia aperto gli occhi solo oggi su questo mostro del degrado urbano.
Così, quando alle 8.30 arriviamo dentro l'agglomerato ci rendiamo conto che lo spazio e la struttura lasciata a marcire sono enormi, e a confronto il palazzo di cemento con le sue 96 abitazioni ci sembra “poca cosa”. Impossibile andare a vedere dappertutto, sarebbe impossibile anche se non ci fossero immondizia, siringhe, escrementi e una puzza insostenibile a frenare la curiosità e il dovere di cronaca.

La situazione è tranquilla. L'assessore Carlo Pennisi è sul posto, parla spesso al telefono, non è prodigo di informazioni su costi e strategia di queste operazioni. Polizia, vigili e pompieri aspettano indicazioni su come operare, di immigrati e Rom non ce ne sono già più: l'esodo è cominciato ieri sera, soprattutto di chi sapeva di non avere documenti da mostrare. I Rom sono stati trasferiti in un'area allestita nel campo sportivo di Fontanarossa. D'altronde la notizia dello sgombero circolava già da diverso tempo e non li ha trovati del tutto impreparati.
Molta roba è raccolta fuori, imballata alla buona: televisori, frigoriferi, forni, materassi, la maggior parte con i nomi dei proprietari scritti sopra. Molta è stata lasciata dov'era, nei locali pieni di immondizia: scarpe, materassi, vestiti, bici, cibo: tutte le stanze sono “case”: cucina stanza da letto e bagni insieme e allo stesso tempo discariche.
Colpiscono le luci ancora accese di lampadine attaccate alla corrente alla meno peggio, e soprattutto le scarpette, le macchinine e gli zainetti dei bambini. Chissà perché, volevamo illuderci che quello fosse un posto solo per grandi.

Riusciamo a salire al primo piano: il teatrino degli orrori. Platea e palchetto sono un campo minato di cacca e siringhe, per addentrarci pestiamo le prime per evitare le seconde. Non è facile parlare e neanche respirare. I pompieri si stanno già muovendo e qualcuno chiede urlando delle cesoie. Alcuni locali, quelli degli abitanti stabili, hanno un lucchetto che chiude la catena che passa dai fori fatti sul muro e sulla porta.

Dobbiamo uscire, devono rendere l'area “sterile”: gli unici che vengono sgomberati in realtà sono i giornalisti. “Ci avissunu ddari a focu”, commenta qualcuno.
Mentre usciamo leggiamo sui muri pieni di scritte e disegni, qualcuno anche bello: “O raciste (razzista), ben presto sarete radunati davanti a Dio”; “Che sta minchia guadagnate con le racisme (razzismo). Va fanculo”.

All'aeroporto è già scoppiata la polemica tra il Comune e la SAC, la società aeroportuale, che accusa l'amministrazione di aver compiuto una mossa che lede l'immagine dell'azienda e del turismo.  Si sente qualcuno dire: “Andiamo al campo Rom, lì ci sarà molto da riprendere. Qui la festa è finita”. E mentre la puzza si allontana, la nausea aumenta.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×