Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Spagna: alle 8 della sera

Un’assemblea ogni giorno, i giovani accampati nelle piazze, la sfiducia sempre crescente verso le istituzioni. In tutto il Paese la protesta degli indignados corre su Internet e ha coinvolto moltissime persone. Step1 ve la racconta direttamente da Cadice

Roberto Quartarone

Ogni giorno l'appuntamento è alle 8 di sera, per l'assemblea organizzativa. La piazzetta del Palillero di Cadice si riempie, ognuno ha diritto di parola, per approvare le varie mozioni si applaude o si alzano le mani come fanno i non udenti. C'è il comitato d'“azione” per organizzare le attività, chi si occupa del cibo, chi della diffusione, chi viene solo per ascoltare e capire meglio quali sono gli obiettivi di Democracia Real Ya, ossia del movimento che dal 15 maggio ha portato milioni di persone nelle strade spagnole.

«Democracia Real Ya è una piattaforma senza nessuna bandiera politica o sindacale – scrivevano gli organizzatori prima delle elezioni amministrative – da cui stiamo organizzando delle mobilitazioni e coordinando una protesta cittadina, fatta da cittadini. Di fronte alla perdita di valore del concetto di “cittadino”, sono centinaia i gruppi che sono nati in Spagna dallo stesso seme di scontento, malessere e disperazione». Uno dei tanti slogan, quello con cui si è partiti, riassume tutto ciò contro cui si sta lottando: «Non siamo mercanzia in mano di politici e banchieri».

La sfida è contro un potere che negli ultimi anni ha fatto affondare il miracolo economico spagnolo. Su internet gira il resoconto delle elezioni del 22 maggio: il PP ha ricevuto 8,5 milioni di preferenze e ha stravinto. Ciò che non si dice, è che si tratta solo del 24% degli aventi diritto: tra schede nulle, bianche e astensioni si giunge alla modica cifra di 12,6 milioni di persone. È un segnale della sfiducia profonda verso le istituzioni di qualsiasi colore. Per questo sabato 21, giorno del silenzio delle campagne elettorali, a Cadice si è deciso di organizzare una paseo de reflexión (passeggiata di riflessione) senza bandiere né slogan politici per manifestare il dissenso contro una situazione insostenibile, a livello sociale, economico e politico.

«Credo che siamo stati gli unici in Spagna a riuscirci – spiega Álvaro, una presenza fissa, anche di notte, nell'accampamento allestito al centro della piazza – perché la polizia aveva vietato qualsiasi tipo di corteo. E invece siamo arrivati fino a Puerta de Tierra (l'ingresso del centro storico, ndr) e c'era un cordone delle forze dell'ordine che ha collaborato e ha impedito il passaggio delle macchine. Ci saranno state come minimo tremila persone».

La stampa esprime molte più critiche che elogi a un movimento popolare che ha mobilitato un numero incredibile di persone di qualsiasi età, professione, credo politico e religioso. «Questo movimento è partito da un grande consenso democratico – scrive l'avvocato Jesús Ramírez Gómez sul “Diario de Cádiz” – e avanza verso posizioni tanto antidemocratiche come il mancato rispetto dell'impero della legge o della possibilità di riflettere senza intromissioni sulle elezioni. Il malcontento si esprime attraverso le urne, per questo il movimento mi ha deluso».

«Noi continuiamo a organizzare malgrado ci sia qualcuno già stanco – prosegue Álvaro –. Vorremmo aprire dibattiti in ogni quartiere, entrare nelle scuole e nelle università per spiegare cosa stiamo facendo, metteremo in scena un'opera teatrale… Il tutto senza bandiere politiche». La partecipazione dei giovani è forte: «Ogni volta che possiamo siamo qui – dicono per esempio Damián e Miguel –. Quando finiamo le lezioni siamo in piazza, rimarremo qui il fine settimana».

Si andrà avanti a oltranza, sfruttando al massimo internet, uno dei punti di forza dell'intero movimento. Si continuerà a esprimere il dissenso, tentando di trovare delle alternative, cercando di sensibilizzare l'opinione pubblica assopita e ormai totalmente disillusa da un quadro in cui nessuno sembra trovare una via d'uscita alla crisi economica e, soprattutto, di valori.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×