Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Fine delle trasmissioni

Dal primo giugno la radio d'Ateneo non trasmetterà più dalla gloriosa aula 24 dell'ex Monastero dei Benedettini di Catania, sede storica degli studi di Radio Zammù e della sua redazione (oltre che della nostra). In attesa di sentire le novità della futura gestione, oggi su Step1 la diretta della maratona speciale della squadra di radiofonici che tanti ascoltatori hanno imparato a conoscere e amare in questi anni

Redazione Step1

- Ascolta la diretta radio dell'ultimo giorno di trasmissioni


Da domani addio alla vecchia gestione di Radio Zammù. Con una maratona speciale, come quelle che ci hanno accompagnato negli ultimi anni a ridosso delle vacanze natalizie, i ragazzi della radio studentesca d'Ateneo si alterneranno ai microfoni per un'ultima volta.
In queste ultime settimane il gruppo non ha smesso di raccogliere i frutti del lavoro maturato tra le pareti dell'aula 24 con il premio al Fru di Cosenza come miglior format di Giuseppe Contrafatto per L'isola delle rose.

Dall'Ateneo proviene null'altro che un assordante silenzio, mentre il gruppo Rmb – vincitore del nuovo bando – non ha ancora annunciato modalità e tempi di ripresa delle trasmissioni.

Il gruppo di Radio Zammù – che da domani si trasformerà in una sorta di comitiva che per anni ha condiviso esperienze, lavoro, sacrificio e divertimenti – ha spiegato le ragioni della chiusura con un comunicato che annuncia la "fine delle trasmissioni".

Dall'1 giugno si spegne Radio Zammù.

Il 28 marzo scorso, dopo esser venuti a conoscenza di un bando per il cambio di gestione di Radio Zammù, abbiamo chiesto chiarimenti ai vertici dell'ateneo per conoscere il futuro di noi studenti. 
Abbiamo atteso una risposta che non è mai arrivata. 

Al posto dei chiarimenti, martedì 17 maggio, abbiamo ricevuto la visita di sette impiegati dell'amministrazione dell'università che hanno controllato le attrezzature tecniche senza però sciogliere i dubbi dello staff di Radio Zammù. 

Per cercare di avere maggiori informazioni abbiamo chiamato alcune emittenti locali e siamo riusciti così a sapere che il vincitore del bando è il gruppo Rmb che entrerà in carica dal primo giugno. Gli studi dell'emittente saranno trasferiti dall'attuale sede nell'aula 24 dell'ex Monastero dei Benedettini a dei locali dell'università in via Umberto. 

Tutte queste informazioni non ci sono state comunicate né dall'ateneo né dai nuovi gestori che fino a questo momento ci hanno ignorati. 

Troviamo senza senso disperdere il patrimonio di competenze che in questi sei anni sono maturate all'interno della radio universitaria, credevamo fosse logico coinvolgere l'attuale staff nel nuovo progetto ma attualmente non è così. 

In questo momento Radio Zammù, in questa forma e con questi speaker, è destinata a fermare le trasmissioni il 31 maggio 


Gli studenti di Radio Zammù

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×