Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Voto di scambio e rifiuti, indagati Pellegrino e Maesano
Il consigliere comunale etneo è candidato a sindaco

Nel fascicolo della procura etnea compare anche il nome di Biagio Susinni, ex primo cittadino di Mascali in manette nel 2013. «Non possiamo aggiungere nulla», commenta a MeridioNews l'avvocato del politico. L'inchiesta, che sarebbe arrivata al giro di boa della chiusura indagini, coinvolgerebbe il mondo della munnizza

Dario De Luca

Voto di scambio nell'ambito delle elezioni regionali del novembre 2017. È questo il cuore di un'inchiesta della procura di Catania, titolari i pubblici ministeri Marco Bisogni e Barbara Tiziana Laudani, in cui risultano indagati due ex sindaci: Ascenzio Maesano e Biagio Susinni, e un terza persona, Riccardo Pellegrino, che primo cittadino ambisce a diventarlo. La notizia, diffusa da Live Sicilia, coinvolgerebbe anche altre persone. Secondo quanto appreso da MeridioNews le maglie degli inquirenti si sarebbero allargate anche al settore dei rifiuti. Maesano, ex sindaco di Aci Catena, attualmente si trova sotto processo, dopo essere stato condannato in primo grado ed essere finito in manette per un presunto giro di corruzione negli appalti del Comune che amministrava. La tranquillità ormai da tempo non è più di casa nella cittadina, già scossa dal blitz Gorgoni del novembre scorso, in cui emerse, secondo l'accusa, il patto tra i clan Laudani e Cappello per la gestione dei rifiuti. 

Gli avvocati di Pellegrino per il momento temporeggiano. Spiegando al nostro giornale di non essere in grado «di aggiungere nulla». Il telefono del consigliere comunale intanto squilla a vuoto da ore. Eletto con la lista di Forza Italia, in queste settimane è impegnato nella campagna elettorale per diventare sindaco. Una scelta controcorrente, considerato che il suo partito sostiene la corsa dell'europarlamentare Salvo Pogliese

Il consigliere, nato e cresciuto nel quartiere San Cristoforo, aveva già tentato il grande salto a novembre 2017. Quando decise di candidarsi a deputato regionale nonostante il pesante fardello di essere considerato un impresentabile. A causa delle vicissitudini giudiziarie del fratello Gaetano, arrestato in passato nell'inchiesta Ippocampo e attualmente sotto processo. Per lui la procura di Catania, proprio con la magistrata Laudani, ha chiesto recentemente una condanna a dieci anni di carcere per mafia. Il parente del politico azzurro sarebbe stato uno dei fedelissimi di Sebastiano Mazzei, capo della cosca dei Carcagnusi di Catania. Lo stesso giovane consigliere è finito indagato per voto di scambio politico mafioso, salvo poi essere archiviato dalla giudice per le indagini preliminari Francesca Cercone.

Durante la campagna elettorale di novembre, accanto a Pellegrino si era schierato anche Biagio Susinni. Ex sindaco di Mascali, quando il Comune nel 1992 venne sciolto per le infiltrazioni di Cosa nostra. Il politico aveva sposato la causa presenziando, come raccontato da MeridioNews, anche durante l'inaugurazione del comitato elettorale. Susinni è stato arrestato nel 2003 insieme all'allora sindaco Filippo Monforte. Palcoscenico della vicenda, vent'anni dopo, sempre il Comune di Mascali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.