Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Voto di scambio, Pellegrino resta candidato sindaco
«Ricomincio la campagna con più determinazione»

«Sereno e tranquillo». È così che si definisce il consigliere comunale Riccardo Pellegrino dopo la notizia dell'indagine a suo carico per un presunto scambio di voti nell'ambito delle elezioni regionali 2017. Coinvolti con lui nell'inchiesta ci sono anche gli ex sindaci di Aci Catena e Mascali: Ascenzio Maesano e Biagio Susinni

Redazione

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

«Sono sereno e tranquillo, perché certo che tutto sarà chiarito rispetto a questioni con le quali non c'entro assolutamente». È con una nota destinata alla stampa che il consigliere comunale Riccardo Pellegrino annuncia l'intenzione di rimanere candidato sindaco per la città di Catania. Un comunicato che arriva dopo la notizia dell'indagine a suo carico per voto di scambio nell'ambito delle scorse elezioni regionali 2017, quando lui concorreva a uno scranno Ars nelle liste di Forza Italia. «Confido nello sviluppo rapido dell'azione giudiziaria - prosegue Pellegrino - che non potrà non confermare la mia estraneità a qualunque condotta di natura penale».

Secondo la procura di Catania, un voto sarebbe costato al consigliere 50 euro, per una spesa complessiva superiore a cinquemila euro. Insieme al politico catanese, però, sono indagati il padre agricoltore Filippo e gli ex sindaci di Aci Catena e Mascali: Ascenzio Maesano e Biagio Susinni. Nell'elenco delle persone a cui è stato consegnato, nei giorni scorsi, l'avviso di chiusura delle indagini figurano, in tutto, 12 nomi. Tra loro c'è anche Salvatore Di Benedetto, consigliere comunale a Ramacca. Il reato ipotizzato dai magistrati sarebbe stato commesso tra Ramacca, Vizzini, Aci Catena e Acireale. L'arco temporale finito sotto la lente d'ingrandimento parte dalla primavera 2017 e si estende fino alle Regionali di novembre. L'ex sindaco Maesano quindi, stando alla ricostruzione della procura, potrebbe avere commesso il reato di cui è accusato mentre si trovava agli arresti domiciliari dopo l'inchiesta per corruzione a suo carico.

«Proseguirò l'impegno ormai decennale a favore della mia città - prosegue Riccardo Pellegrino nel suo comunicato stampa - Non mi ritiro e resto candidato a sindaco della lista civica Un cuore per Catania». Il contenitore politico lanciato durante una conferenza stampa in Sala Coppola, a Palazzo degli elefanti. «Subito dopo le festività pasquali, riprenderò con ancora più determinazione e convinzione la campagna elettorale tra i catanesi e per i catanesi». L'obiettivo dichiarato è «spiegare ai cittadini, che potranno così giudicarmi».

Non è la prima volta che il consigliere è costretto a confermare la sua scelta di fare politica. Era avvenuto durante le Regionali, quando era stato bollato come impresentabile per via delle grane giudiziarie del fratello Gaetano, detto 'u funciutu. Arrestato, poi scarcerato, e attualmente sotto processo per associazione mafiosa. Il parente del politico, nato e cresciuto a San Cristoforo, secondo la procura di Catania, sarebbe stato uno dei fedelissimi del capomafia Sebastiano Mazzei, indiscusso capo del clan etneo dei Carcagnusi. Nei giorni scorsi, per lui la magistrata Tiziana Laudani ha chiesto la condanna a dieci anni di reclusione nel processo di primo grado. Riccardo Pellegrino, però, ha sempre rimandato indietro ogni sospetto nei suoi confronti, rivendicando la sua provenienza dal quartiere popolare e le sue amicizie.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.