Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Anziani al voto, indagato l'onorevole Sammartino
Il caso dell'88enne «inabile alla firma» al seggio

Mister 32mila preferenze, già citato nell'imminenza dello scandalo sull'espressione del voto alla casa di cura per anziani Maria Regina di Sant'Agata Li Battiati, è stato iscritto nel registro degli indagati dalla procura di Catania. «Un atto dovuto», dice lui in una nota diffusa alla stampa. Guarda il video

Redazione

Foto di: facebook luca sammartino

Foto di: facebook luca sammartino

Inabile alla firma, ma stranamente in grado di votare al seggio speciale allestito all'interno della casa di cura per anziani Maria Regina, di Sant'Agata Li Battiati. È da questa storia - e dalla video-denuncia del figlio della donna 88enne pubblicato sui social network - che è scaturita l'indagine che vede coinvolto l'onorevole regionale del Partito democratico Luca Sammartino. Il deputato, mister 32mila preferenze, è stato citato sin da subito a proposito della vicenda. Anche perché il direttore della clinica di Battiati aveva ammesso da subito, parlando con MeridioNews, il suo sostegno al politico dem. A dare la notizia dell'iscrizione nel registro degli indagati di Sammartino - avvenuta a dicembre - è il giornale I vespri, subito ripreso dai quotidiani locali.

Sarebbero nove gli indagati in tutto, compresi i responsabili della struttura sanitaria del Catanese. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono «errore determinato dall'altrui inganno» e «falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale». Le indagini della Digos etnea, con accertamenti tecnici eseguiti anche dalla postale, sono state avviate dopo la diffusione del video e il servizio andato in onda su Striscia la notizia. Protagonista era il signor Enzo, figlio della 88enne, che all'ufficio elettorale di Sant'Agata Li Battiati chiedeva chiarimenti su come sua madre, colpita da diverse ischemie e incapace di muoversi in autonomia, avesse potuto esprimere una preferenza - secondo lui, proprio per Sammartino - nel seggio speciale richiesto dalla casa di cura. E questo senza che né lui né suo fratello lo avessero autorizzato.

«L'iscrizione del mio nome nel registro degli indagati - sottolinea Luca Sammartino in una nota diffusa alla stampa - è un atto dovuto della magistratura». Lui, comunque, si dice del tutto estraneo a quanto successo. «Non mi sono mai occupato, e non mi occupo, di ciò che avviene in ogni singolo seggio elettorale», puntualizza. A Sant'Agata Li Battiati, Sammartino ha ottenuto - alle elezioni regionali 2017 - 457 voti, risultando il candidato più votato dell'intero territorio comunale. Secondo quanto appreso da questa testata nei giorni immediatamente successivi all'esplosione dello scandalo, sarebbero anche altri gli anziani sottoposti alla prova della firma dagli agenti della Digos etnea. Tra gli altri elementi emersi, c'era il fatto che la richiesta di voto sarebbe stata inoltrata con una carta d'identità scaduta.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×