Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Comunali, Tempio porta le periferie a D'Agostino
Catania in azione con lo sguardo al centrodestra

Il consigliere comunale trasloca con la sua idea di «lista delle municipalità» nel contenitore che accoglierà gli uomini di Sicilia futura. Il gruppo sembra alle prese con una vera crisi d'identità: restare nel centrosinistra o appoggiare il candidato della destra Salvo Pogliese?

Francesco Vasta

Tanti saluti alla «lista delle municipalità» che trasloca, armi e bagagli, sotto l'ala protettiva del deputato regionale Nicola D'Agostino. Alle prossime Amministrative catanesi Massimo Tempio, il consigliere comunale che si era posto alla testa del progetto Innanzitutto le periferie si ricandiderà - inizialmente pareva invece pronto a farsi da parte - nella lista assemblata dagli uomini di Sicilia futura, il contenitore centrista guidato da D'Agostino e Totò Cardinale. Sulla scheda, però, non ci sarà il simbolo che negli ultimi anni è stato colonna portante del centrosinistra sia a Palermo che a Catania: i futuristi dagostiniani si candideranno sotto un nuovo logo e una nuova denominazione, cioè Catania in azione

Nella corsa ai riposizionamenti in chiave Comunali, così, un colpo di non poco rilievo lo piazza D'Agostino. Proprio mentre nella sua area il dibattito su «cosa fare a Catania» pare assumere i contorni di una vera e propria crisi d'identità. Da una parte l'ex capogruppo Mpa non vorrebbe recidere il legame con il centrosinistra renziano, provando a conciliarlo con l'atteggiamento «responsabile» a Palazzo dei Normanni nei confronti del governo di Nello Musumeci. Dall'altra la base di aspiranti candidati e luogotenenti starebbe spingendo per l'accordo fra Catania in azione e il centrodestra del candidato sindaco Salvo Pogliese. In barba al sostegno, in aula e non solo, comunque costantemente assicurato negli anni a Enzo Bianco

L'ex presidente di municipalità Tempio ha così ritenuto che Catania in azione potesse essere il migliore approdo possibile per il fronte delle periferie. Prima doveva esserci una lista composta di consiglieri e presidenti di municipalità vogliosi di entrare a Palazzo degli elefanti, pure con un proprio candidato sindaco da indicare «a sorteggio». Adesso arriva una scelta su cui avrebbe comunque pesato l'alta probabilità di un'alleanza fra Pogliese e Catania in azione, lista di cui si sottolineerà il carattere civico. Se centrodestra sarà, per Tempio sarà un ritorno a casa: nel 2013 era stato eletto nella coalizione di Raffaele Stancanelli. Di migrazione e in migrazione, si era poi accasato nel gruppo Primavera per Bianco. Fila che dovrebbe lasciare a giorni, dopo lungo tentennare.

Non lo seguirà Sebastiano Anastasi, il capogruppo di Grande Catania che aveva affiancato Tempio nel lancio di Innanzitutto le periferie: il consigliere troverà collocazione in una delle liste autonomiste cui lavora l'ex presidente della Regione Raffaele Lombardo.  

La querelle interna ai dagostiniani, intanto, fa tramontare anche le aspirazioni di Carmelo Coppolino, consigliere uscente che lavorava a un secondo contenitore futurista, l'embrione di lista Catania forte e libera. Non se ne dovrebbe far più nulla, né Coppolino dovrebbe ricandidarsi, vista anche la sua richiesta di un assessorato nella eventuale giunta Pogliese. I colleghi d'aula che lo affiancavano nel piano starebbero per prendere strade diverse: Salvo Spadaro dovrebbe ricandidarsi in Catania in azione; l'ex Mpa Maurizio Mirenda sarebbe invece a un passo dal presentarsi nella lista di Forza Italiamollando i centristi dopo poco più di un anno

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×