Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, altra macchina bruciata la notte scorsa
Si tratta di una Fiat Panda rubata a Misterbianco

Ad allertare i vigili del fuoco sono stati i residenti di piazza Michelangelo Buonarotti, dinnanzi la chiesa Sant'Antonio alla Scala. Ad indagare sul caso sono i carabinieri del nucleo radiomobile, che non avrebbero trovato tracce di innesco che possano suffragare la pista dolosa

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Ancora auto in fiamme a Paternò, dove da tempo i veicoli prendono fuoco con cadenza quasi quotidiana. L’ultimo fatto è avvenuto la notte scorsa poco dopo la mezzanotte in piazza Michelangelo Buonarroti, proprio dinanzi la chiesa Sant’Antonio alla Scala. Il rogo ha coinvolto una Fiat Panda parcheggiata che in poco tempo è stato avvolta quasi per intero dalle fiamme. Ad allertare i vigili del fuoco locale distaccamento sono stati i residenti della zona preoccupati anche dalla possibilità che l'incendio potesse estendersi alle altre auto parcheggiate. 

Il lavoro di spegnimento è stato ultimato poco prima delle 2. Le fiamme hanno bruciato anche un albero. A indagare sono i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Paternò, che al momento non escludono alcuna pista, anche se non sono state trovate tracce di innesco che possano suffragare la pista dolosa. Dai controlli effettuati per individuare il proprietario dell’autovettura, è stato accertato che il mezzo era stato rubato il 19 marzo a Misterbianco. Si cerca di capire se fosse parcheggiato da tempo in Piazza Buonarroti o se invece sia stato lasciato poco che le fiamme divampassero.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×