Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Corpo a corpo, quando va in scena un fratricidio
La performance di Zappalà sul ring immaginario

A Scenario pubblico l'ultima creazione del coreografo catanese Roberto Zappalà, parte del progetto Liederduett: due meditazioni su Caino ed Abele. La seconda (Come le ali) prossimamente sul palco di Viagrande. Sabato e domenica, invece, su un ring immaginario hanno combattuto due pugili senza mezzepunte

Antonia Maria Arrabito

Su un ring immaginario due pugili combattono davanti al pubblico. Ai loro piedi non indossano mezzepunte, sono due pugili veri su un palco di danza. Ma rappresentano molto di più: due fratelli, Caino e Abele. La carne umana che divora se stessa e, dunque, la rottura del patto tra uomo e Dio. È questa l'ultima creazione del coreografo catanese Roberto Zappalà, che a Scenario pubblico ha portato in scena - il 14 e il 15 aprile - la performance Corpo a corpo, parte del progetto Liederduett (due episodi su Caino e Abele). Il secondo episodio andrà prossimamente in scena a Viagrande.

È chiaro: neppure la danza potrà assolvere Caino dal fratricidio commesso, né tanto meno cambiarne le sorti. Ma può intervenire per ricordarci chi fosse prima di tanto livore, regalando un'immagine di tenerezza che sembra richiamare tutti i fratelli del mondo. Due cuccioli o meglio due danzatori, che gattonano a quattro zampe sul palco: in scena la commovente nascita della fratellanza. A terra, senza filtri: Caino ed Abele si cercano con istinto. Danzano un sentimento innocente fatto di sensi: il tatto, l’olfatto, la vista. Tra fratelli tutto è concesso: lanciarsi addosso, strusciarsi, toccarsi. La fusione fisica è sempre pura, perché preceduta da quella spirituale. La maternità, fonte comune, rende sacra questa unione.

Sulle note di Johannes Brahms, i danzatori si esibiscono in un passo a due senza tempo, che include baci innocenti, abbracci immotivati, gioco senza fine. Come a dire che chi ha un fratello non deve mai sentirsi solo. Eppure poi ringhiano l'uno contro l'altra, come due belve. Ed allora non sembra più vero che «fatti non foste a viver come bruti». Inutile sperare di capire quale dei due danzatori sia Abele e chi Caino, per Roberto Zappalà sembra che non ci sia differenza tra chi uccide e chi muore. Quando un fratello uccide il fratello, ciascuno è vittima e carnefice.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×