Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Omicidio Adrano, vittima uccisa da colpo allo stomaco
Si cerca l'arma, interrogato custode dell'autolavaggio

Il ragazzo, già noto alle forze dell'ordine, ha perso la vita forse solo qualche ora prima del ritrovamento del cadavere, in un fossato lungo la statale 284. L'uccisione potrebbe essere scaturita da un tentativo di furto finito male nella struttura a poca distanza dal luogo dove è stato ritrovato il corpo

Salvatore Caruso

Un tentativo di furto finito male ha portato alla morte di Giuseppe Dainotti, 25enne già noto alle forze dell'ordine, residente nel quartiere catanese di Librino. Il giovane, in passato arrestato per spaccio droga, è stato trovato senza vita in un fossato lungo la strada statale 284 in contrada Pulica, territorio di Adrano. Il corpo è stato rinvenuto poco prima delle 7 da un 36enne del posto, custode dell’autolavaggio lì accanto.

A condurre le indagini sono adesso gli agenti del commissariato di polizia di Adrano, diretto dal vice questore aggiunto Giuseppe Emiddio, presenti sul luogo del ritrovamento assieme gli uomini della squadra mobile di Catania. Dainotti presentava una ferita di arma da fuoco allo stomaco. È stato il medico legale Giuseppe Ragazzi ad effettuare una prima ispezione sul cadavere. Il corpo del giovane era rigido: probabilmente Dainotti ha trovato la morte qualche ora prima del suo ritrovamento, più o meno intorno alle 2 e 30 del mattino. Accanto al cadavere è stato rinvenuto un cappuccio, probabilmente usato dalla vittima durante il tentativo di furto. La salma è stata trasferita all’obitorio dell’ospedale Vittorio Emanuele di Catania dove, nelle prossime ore, il medico legale incaricato dalla procura etnea dovrà effettuare l’autopsia.

Le indagini della polizia si sono estese all’interno dell’autolavaggio, dove i poliziotti hanno trovato effrazioni sul macchinario self service dell’autolavaggio: qualcuno aveva provato a trafugare le monete lì contenute. Forse lo stesso Dainotti, giunto sul posto a quanto pare con uno o più complici. Al vaglio degli inquirenti ci sono così le registrazioni del sistema di videosorveglianza del posto. Nell’area di pertinenza dell’attività commerciale non sarebbero stati trovati bossoli, né vicino al cadavere è stata rinvenuta alcuna arma

Al vaglio dei poliziotti di Adrano, così, c'è anche la posizione del custode. All’interno del furgone che l’uomo ha utilizzato per recarsi al commissariato di viale della Regione e dare l'allarme, sarebbero state rinvenute due pistole detenute illegalmente. Da una prima analisi sembra che nessuno delle due armi abbia sparato. Ci sarebbero poi delle incongruenze nella ricostruzione dell'accaduto. Le indagini della polizia sono dirette anche a individuare i possibili complici della vittima, con molte probabilità giunti sul posto con un autovettura.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×