Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, auto in fiamme percorre diversi metri
Rogo ha causato la rottura del sistema dei freni

La Fiat Panda parcheggiata davanti alla casa del proprietario è stata avvolta dal rogo e ha cominciato a muoversi fino a schiantarsi contro la parete di una abitazione. Le forze dell'ordine stanno ancora lavorando per cercare di identificare i responsabili del gesto. Altra macchina incendiata anche a Belpasso

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Sale il numero delle auto incendiate a Paternò. L’ultima è stata bruciata in via Potenza, nel quartiere Scala Vecchia, poco dopo le 21.30 di martedì sera. Si tratta di una Fiat Panda vecchio modello parcheggiata davanti all'abitazione del proprietario del mezzo. 

Persone ancora ignote, avrebbero approfittato del fatto che la macchina fosse aperta per appiccare il fuoco all’interno dell'abitacolo e poi fuggire. L'incendio avrebbe provocato la rottura del sistema frenante del mezzo che ha iniziato a muoversi. Avvolta dalle fiamme l’autovettura ha percorso diversi metri per poi schiantarsi contro la parte di una abitazione.

Sul posto, allertati dai proprietari dell’auto, sono giunti i vigili del fuoco di Paternò che hanno lavorato per circa un'ora prima di spegnere le fiamme e bonificare la zona. Informati dell’accaduto i carabinieri stanno lavorando per cercare di identificare gli autori del gesto. «Ci hanno messo in difficoltà - dichiara la proprietaria della macchina, una 30enne di Paternò - perché con quella macchina mio marito andava ogni giorno a lavorare». 

Altra auto in fiamme a Belpasso, nella frazione di Piano Tavola, in via Carlo Alberto Dalla Chiesa. A prendere fuoco in pochi minuti è stata una Daewoo Matiz. A domare il rogo i pompieri di Paternò. Presenti sul posto anche i militari dell'arma che non sono ancora risaliti all'origine e ai responsabili del rogo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×