Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Comunali, arriva l'accordo fra Pogliese e Lega
Debutto nel centrodestra per Carroccio etneo

Tramonta definitivamente la candidatura in solitaria di Angelo Attaguile. Come ci si aspettava, l'ingresso dei salviniani nel centrodestra a Catania è stato sancito dalla stretta di mano fra il forzista e il leader giunto ieri in città

Francesco Vasta

Foto di: Salvo Pogliese su Facebook

Foto di: Salvo Pogliese su Facebook

La notte ha portato consiglio. Ѐ stata così suggellata dall'incontro di stamane, in un hotel della Scogliera, l'intesa fra la Lega e il candidato sindaco di Forza Italia Salvo Pogliese. Matteo Salvini, il leader da ieri in città per ufficializzare il commissariamento del partito isolano e lavorare alle Amministrative, si è stretto la mano con il collega europarlamentare, sancendo un accordo già nell'aria da qualche giorno.

«Sono pienamente soddisfatto dell’intesa siglata questa mattina con Matteo Salvini», dice il candidato a sindaco di Catania, Salvo Pogliese. «C’è assoluta sintonia sul programma amministrativo. Con Salvini siamo legati da stima reciproca e da una visione comune su alcuni temi di assoluta importanza, primo tra tutti quello della sicurezza nelle città. Ringrazio il leader della Lega per aver anteposto la necessità di garantire un’amministrazione seria, a qualunque altro discorso. Cosa che sottolinea lo spessore della sua leadership».

Adesso, al mosaico dell'unità del centrodestra a Catania, manca solo la tessera degli autonomisti dell'ex governatore Raffaele Lombardo. Ma anche in quel caso, sembra ormai essere questione di ore. Il Carroccio si prepara a debuttare con il proprio simbolo alle Comunali etnee, evitandosi la corsa in solitaria lanciata nelle scorse settimane con l'ex deputato Angelo Attaguile

L'accordo fra Lega e Pogliese matura accantonando ogni discorso su poltrone e spartizioni fra partiti. «Quando c'è Salvini di mezzo, è impossibile impostare ragionamenti di questo tipo», filtra dal board siculo-leghista in fase di riorganizzazione. C'è il neo commissario Stefano Candiani, già sollevato dall'incarico in Umbria, a seguire ogni movimento delle ultime ore, sotto la guida di Salvini, in casa Lega. Una lunga notte di riunioni e ragionamenti, si diceva, per dar corpo alla svolta organizzativa del partito chiamata già alla prova Comunali.

L'ormai ex coordinatore Attaguile, però, aveva formulato una precisa richiesta all'indirizzo della coalizione di centrodestra: un posto da vicesindaco per un leghista. Discorsi tutti messi da parte: la Lega chiede a Salvo Pogliese un trattamento alla pari rispetto agli altri partiti del centrodestra e grande attenzione su sicurezza e decoro per la città. Stop agli assembramenti ai semafori, pulizia, servizi efficienti, lotta al degrado: tutte priorità elencate da Salvini e che dovranno avere posto nel programma elettorale. Il leader tornate a maggio per un comizio assieme al candidato Pogliese. Il partito non è più una nota a tinte quasi esotiche, ma rivendica appieno il ruolo di forza di coalizione a tutti gli effetti. 

A margine di un incotro con i lavorati dell'ipermercato Auchan di Catania La Rena, Salvini ha fatto il punto anche su altre importanti città della Sicilia. «In altre realtà come Messina andrà da sola. A Siracusa e Ragusa vedremo. Dove il centrodestra guarda avanti e può essere coerente cambiare la Lega ci sarà, dove Forza Italia fa inciuci con il Pd noi andremo da soli».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×