Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Palazzo di cemento, cento giorni dopo lo sgombero

Il 17 maggio venivano allontanati gli abitanti che occupavano abusivamente il noto palazzo di Librino. Oggi alcune famiglie hanno trovato casa grazie all'aiuto del Comune, altre sono ancora ospiti di alloggi temporanei. Mentre qualcuno ha deciso che era ora di rendersi autonomo

Nelly Gennuso

Che fine hanno fatto le famiglie sgomberate dal palazzo di cemento di Librino? Tre mesi fa alcune avevano accettato gli alloggi temporanei offerti dal comune di Catania. Altre invece, quelle scese in piazza a protestare, aspettavano di ricevere il buono casa da 250 euro. A più di cento giorni di distanza dallo sgombero, il problema è stato risolto solo in parte.

«Vivo ancora con mia moglie e tre figli nell'alloggio temporaneo, in via Castone. E accanto a me abita anche mio figlio agli arresti domiciliari – spiega Luciano – Qualche giorno fa ho visto una casa, ma era troppo piccola per la mia famiglia. Dove li metto tre bambini in una stanza e mezza? Il proprietario voleva 300 euro. Era meglio vivere al palazzo di cemento, quella sì che era una casa!» Luciano è uno di quelli che tre mesi fa ha scelto l'alloggio temporaneo. E lì e rimasto. Anche se ci tiene a precisare: «Mi hanno detto che a dicembre avrò la casa popolare perché sono ottavo in graduatoria. Quindi perché cercare un'altra sistemazione?».

In realtà quello della casa popolare è un obiettivo difficile da centrare per gli ex occupanti del palazzo di cemento. «Quelli che protestavano – spiega Carmela Campione, assistente sociale – si sono convinti a cercare casa, perché il Comune gli ha fatto capire che non potevano ottenere un alloggio popolare immediatamente. Si deve rispettare una graduatoria che prevede lunghe attese».

Secondo il bilancio ufficiale redatto dai servizi sociali, su trentanove famiglie, otto non si sono presentate. Mentre diciannove hanno già trovato casa o hanno avviato delle trattative per l'affitto che a breve si concluderanno. «Siamo riusciti – rivendica la Campione – a sistemarne la metà, offrendo oltre al buono casa anche l'anticipo della caparra».

Dell'altro 50 per cento, molti si sono scontrati con la piaga degli affitti in nero. Senza però lasciarsi scoraggiare. «Abbiamo ospitato tre nuclei familiari che non riuscivano a trovare proprietari disposti ad affittare con regolare contratto – racconta Emanuela Consoli, operatrice referente della Locanda del Samaritano, gestita dalla Caritas – E proprio per questo motivo non potevano usufruire del buono casa. Fortunatamente dopo qualche mese hanno incontrato alcuni proprietari disposti a regolarizzarli».

Qualcuno invece ha scelto di rendersi autonomo, rinunciando all'assegno del Comune. «Ho trovato casa a 200 euro al mese, ma senza contratto», afferma Salvo, 60 anni, gli ultimi venti trascorsi al palazzo di cemento. Con una pensione di 700-800 euro mensili, arriva a guadagnare 9.600 euro l'anno. Un reddito che supera i seimila euro stabiliti dal regolamento comunale per l'erogazione del buono casa

La stessa somma percepita, stando a quanto riportato sempre nella lista dei servizi sociali, da quattro delle 31 famiglie in lista per il buono. «Anche se qualcuno di loro ha un reddito superiore a quello stabilito, bisogna verificare sempre il loro I.S.E.E - conclude l'assistente sociale Campione – E considerare anche che a volte percepiscono solo saltuariamente questi soldi. Comunque sia, si tratta sempre di persone senza casa».

Un capitolo, quello degli sfrattati dal palazzo di cemento di Librino, che secondo il Comune si è chiuso positivamente. Ma che, tra chi è in affitto in nero, chi sogna ancora di entrare in graduatoria e chi cerca una regolare soluzione autonoma, di fatto rimane in attesa di una conclusione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews