Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Porto, la nave Cartour gamma rimane occupata
La Cgil punta sulla mediazione della prefettura

I 170 lavoratori dell'imbarcazione, che è stata acquisita da Grimaldi Lines insieme alla tratta Catania-Napoli, ignorano l'ordine di disarmo e continuano la protesta. Intanto, secondo alcune indiscrezioni, l'armatore sarebbe intenzionato a riassorbire soltanto i 44 marittimi. Pronto il presidio del sindacato

Marco Militello

Foto di: Marco Militello

Foto di: Marco Militello

La nave traghetto Cartour gamma rimane ormeggiata nella zona dei moli 9 e 10 del porto di Catania. E i lavoratori continuano a occuparla, mentre - sotto traccia - parte la trattativa con Grimaldi Lines per tentare di salvare i posti di lavoro. Frattanto si muove anche la prefettura etnea, a cui la Filt Cgil ha inviato oggi una richiesta di incontro urgente. L'ufficio governativo - dicono fonti informali - avrebbe già comunicato la propria disponibilità a convocare un tavolo di concertazione. L'imbarcazione, acquisita dall'armatore partenopeo così come del resto la tratta Catania-Napoli, si trova ferma in città da venerdì scorso. Quando le 150 persone che ci lavorano sopra - 170 se si considerano gli amministrativi e gli addetti alla biglietteria - hanno stabilito di scioperare per costringere l'acquirente a venire allo scoperto in merito al loro futuro. 

Grimaldi ha in effetti deciso di sostituire l'imbarcazione che coprirà la tratta Catania-Napoli, e il timore dei sindacati è che si stia apprestando a liberarsi anche della forza lavoro. Al momento non ci sono comunicazioni ufficiali, ma ieri sera si è diffusa un'indiscrezione secondo cui la multinazionale del trasporto via mare avrebbe intenzione di riassorbire soltanto i cosiddetti marittimi, in tutto 44 persone. Troppo poco, ma è pur sempre una base per avviare una discussione. 

Intanto la capitaneria di porto etnea ha ricevuto l'ordine di disarmo della nave che Grimaldi Lines aveva inoltrato ai lavoratori due giorni fa. Nel gergo di settore, l'armatore ordina il «disarmo» quando esige che i lavoratori ormeggino l'imbarcazione e scendano a terra. Ma, come detto, gli scioperanti non hanno alcuna volontà di obbedire. In mattinata i sindacati e una delegazione dei lavoratori hanno incontrato alcuni dirigenti della capitaneria e spiegato loro la delicata situazione. Per il momento, dunque, l'occupazione della Cartour gamma prosegue. Domattina, in attesa di comunicazioni ufficiali da via Minoriti sulla data del tavolo di concertazione, la Cgil allestirà un presidio ai piedi della prefettura. Il sindacato spera che la mediazione dell'ufficio del governo riesca meglio che a Napoli, dove due giorni fa un tavolo analogo si è rivelato infruttuoso per la decisiva assenza di Grimaldi Lines

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×