Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Segreterie studenti Unict
L'unione fa la fila

Da quest'anno le segreterie studenti delle facoltà umanistiche dell'Università di Catania sono state concentrate in un unico edificio di via Landolina. Scelta, dicono i responsabili, dettata dalla volontà di razionalizzazione. Ma passando davanti il civico 51 della centralissima via, di razionale sembra esserci ben poco: file, ore di attesa, liste cartacee approntate sul momento in sostituzione dei distributori di numeri non utilizzati

Federica Motta

Immatricolazioni, domande di laurea, iscrizioni e cambio corsi di studi. Sono queste le ragioni più frequenti per cui, ogni anno, gli universitari al rientro dalle ferie si ritrovano di fronte alle scadenze di settembre, tra consegne di moduli e certificazioni. Ed ecco crearsi file interminabili agli sportelli delle segreterie studenti. Nulla di nuovo se non fosse che da quest'anno l'ufficio preposto è uno per tutti.

[youtube width="640" height="480"

Undici sportelli per sei corsi di laurea, uno per il diritto allo studio ed uno riservato al dottorato di ricerca. Questo l'assetto organizzativo della segreteria studenti di via Landolina 51 che, da quest'anno, mette insieme Lettere, Lingue, Scienze della formazione, Giurisprudenza, Economia e Scienze politiche. Sì perché, «se con l'adeguamento degli atenei alla legge Gelmini non esisteranno più distinzioni di facoltà, ma i corsi di laurea saranno raggruppati all'interno di dipartimenti, anche le singole segreterie non avranno più ragione di esistere», spiega il dirigente dell'area didattica, Giuseppe Caruso. Di fatto, già da diverse settimane molti uffici sono stati accorpati e, mentre la segreteria del Centro raggruppa le facoltà umanistiche, il polo della cittadella universitaria comprende le ex segreterie che fanno capo al ramo scientifico (Ingegneria, Agraria, Scienze, Farmacia, Medicina e Architettura).

Si tratta dell'ennesima risposta ai tagli effettuati dalla riforma per cui - chiarisce Caruso - «la scelta di raggruppare più uffici risponde ad una ben più profonda esigenza di razionalizzazione del personale all'interno delle strutture e quindi al risparmio della spesa pubblica. Ma non solo, anche alla riorganizzazione delle procedure che riguardano la carriera degli studenti che stiamo cercando di digitalizzare più possibile. Tuttavia siamo ancora in fase di rodaggio». Di fronte alle estenuanti file davanti al portone della segreteria studenti, spiega: «Non hanno senso, perche potrebbero essere evitate. Molte operazioni possono già essere eseguite online e se tutti le facessero da casa non si avrebbe un afflusso tale agli sportelli».

Intanto in via Landolina, insegne luminose e distributori di tickets restano inutilizzati. Il sistema recall non funziona e tra gli studenti c'è chi di volta in volta è costretto ad approntare liste cartacee e chiamare l'appello. «I funzionari sono diminuiti e gli sportelli sono sempre più affollati e disorganizzati», lamenta Chiara, studentessa di Filosofia. Come lei molti altri, ormai rassegnati alle code, attendono pazientemente il loro turno. E chi oggi ha aspettato invano, tornerà domani.

[Foto di Twiggy Jane]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews