Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Elezioni Adrano, Di Primo è il nome di FI e Ferrante
I dubbi di Mancuso e la reunion del centrosinistra

Il candidato di forzisti e maggioranza si aggiunge all'elenco di aspiranti sindaci. Lista che conta anche Manuela Scarvaglieri del M5s e i civici Chiara Longo, Angelo D'Agate e Nicola Monteleone. Il deputato Udc Giovanni Bulla e l'ex sindaco non trovano la quadra, mentre l'area di Luca Sammartino potrebbe sorprendere

Francesco Vasta

La sensazione, soprattutto fra gli addetti ai lavori, è che anche l'ultimo minuto prima della presentazione delle liste sarà buono per sparigliare il campo. Questo perché ad Adrano solo uno dei principali schieramenti in campo, l'area della riorganizzata Forza Italia e della maggioranza uscente del sindaco Pippo Ferrante, ha chiuso la partita sul candidato sindaco per le imminenti Amministrative. Cioè Aldo Di Primo, l'ex assessore legato all'aspirante primo cittadino di Catania Salvo Pogliese e al già sindaco di Biancavilla Mario Cantarella. Il suo nome era tra i favoriti e la nomina di marzo a commissario cittadino di FI in coabitazione con l'assessore uscente Paolo Politi, uomo di Marco Falcone, era stato segnale chiaro su quanto la strada fosse per lui in discesa. L'architetto ricompatta così parte della maggioranza uscente - Ferrante, tanto caro a Pino Firrarellonon più ricandidabile, patrocinerà il contenitore Adrano attiva - recuperando pure la lista Azione civica di Salvo Sidoti e il presidente del consiglio Alessandro Zignale.

La quadra trovata dai forzisti sembra adesso poter prescindere dalle inquietudini dei gruppi che guardano al deputato Pd Luca SammartinoGenerazione Adrano 2.0 Obiettivo Adrano. Il flirt con la maggioranza di Ferrante al momento non ha avuto seguito, mentre Salvatore Monciino avrebbe ormai perso i ranghi di papabile candidato dell'area. L'accantonamento, parallelo al farsi avanti del nome del consigliere uscente Giorgio Sampieri, pare utile soprattutto ad aprire il dialogo con il fronte civico della lista Symmachia. Il gruppo, nel 2013 schierato con Angela Anzalone, ha presentato altri due simboli, Primavera di Adrano e Patto per Adrano, buoni a sancire l'alleanza con i tronconi del Pd locale vicini al deputato Anthony Barbagallo e all'ala laburista-Cgil. La convergenza di sammartiniani e area Symmachia riunificherebbe di fatto, anche se in chiave civica, il centrosinistra, rendendolo competitivo rispetto allo storico scontro fra la maggioranza uscente e l'area dell'ex sindaco Fabio Mancuso.

Da quest'ultimo gruppo centrista, dopo l'attivismo dei mesi scorsi legato al contenitore Muovi Adrano, non viene fuori alcuna chiara indicazione. Non sembrano più all'ordine del giorno né la svolta giovane con Sergio Piscione né le nomination dell'ex consigliere provinciale Carmelo Pellegriti e dell'avvocato Francesco Messina. Anche perché l'alleato più importante di Mancuso, il deputato regionale Udc Giovanni Bulla, vorrebbe invece lanciare uno degli assessori della prima giunta Mancuso: Alfio Sciacca, dipendente di Eris formazione. A giorni i nodi dovrebbero sciogliersi. 

Fuori dai poli dei maggiorenti, ha rotto gli indugi Chiara Longo, docente e moglie di Nino Caldarella, ex candidato consigliere del sindaco Ferrante, dichiarandosi candidata sindaca della lista Comunità in comune AdranoVoti che potrebbero pesare in ottica del probabilissimo ballottaggio, così come quelli di un altro aspirante sindaco non allineato, l'ex sindaco Angelo D'Agate, uomo dell'ex deputato Pd Giovanni Burtone. Mentre comunque D'Agate segue le manovre nel centrosinistra, non sembra ad oggi guardare ad alleanze un quarto candidato, il consigliere uscente Nicola Monteleone, in attesa di avere l'ok a presentare il simbolo di Fratelli d'Italia. Già da settimane, poi, è ufficiale la scelta di Manuela Scarvaglieri da parte del Movimento 5 stelle, e potrebbe infine sorprendere anche Nicola Savoca, ex giornalista di Telecolor e addetto stampa comunale ad Adrano, che starebbe valutando una propria candidatura, civica, a sindaco. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews