Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Lampedusa, brucia il centro
di accoglienza ai migranti

Secondo il sindaco Bernardino De Rubeis, «il centro è completamente devastato e non più in grado di ospitare un solo immigrato». Al momento dell'incendio, nella struttura erano presenti circa 1300 persone. Secondo le prime ricostruzioni, almeno 400 di loro sarebbero fuggite approfittando della situazione. Un'operatrice di Save the Children racconta: «Avevamo il sentore che potesse succedere e venerdì abbiamo trasferito quasi tutti i minori»

Salvo Catalano

Notte all'aperto per i 1300 tunisini del centro di prima accoglienza di Lampedusa. L'incendio di vaste proporzioni (Guarda il video su Facebook dell'attivista Georges Alexandre, del gruppo EveryOne e Kayak per il diritto alla vita), scoppiato poco prima delle sei del pomeriggio di oggi, ha distrutto e reso inagibile quasi l'intera struttura. I migranti dormiranno tra lo stadio e il molo Favarolo, secondo quanto deciso dopo un vertice alla prefettura di Agrigento. In serata molti dei circa 400 tunisini che erano fuggiti approfittando delle fiamme sono stati rintracciati dalle forze dell'ordine. Un gruppo di un centinaio di migranti verrà trasferito nelle prossime ore verso altri centri di accoglienza.

Ascolta la testimonianza dall'isola dell'attivista Georges Alexandre

«Avevamo sentore che potesse accadere qualcosa di simile – spiega un’operatrice di Save the Children sull'isola – e nei giorni scorsi abbiamo trasferito presso l’ex base militare Loran quasi tutti i minori». Negli ultimi giorni la tensione al centro era salita a causa dei numerosi rimpatri effettuati dal governo. Almeno cento cittadini tunisini al giorno: un numero maggiore di quello concordato con la Tunisia dal ministro degli Interni Roberto Maroni.

Ascolta l'audio dell'operatrice di Save the Children dal centro di Lampedusa

I danni alla struttura sarebbero piuttosto gravi. Secondo il sindaco Bernardino De Rubeis, «il centro è completamente devastato e non più in grado di ospitare un solo immigrato». Una nuvola di fumo nero ha coperto il cielo di Lampedusa causando la chiusura momentanea dell’aeroporto. Sarebbero decine le persone intossicate.

[Foto tratta dal video di Georges Alexandre]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×