Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Omicidio Marinova, sentito il compagno della vittima
Ancora non chiarito giallo dell'uccisione della donna

L'uomo non avrebbe fornito particolari utili all'indagine. La 30enne, ritenuta una prostituta originaria della Bulgaria, è stata ritrovata in uno stabilimento balneare abbandonato sabato scorso grazie alla segnalazione di una turista. Parzialmente nuda e con diverse fratture al volto e alla testa

Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

L'ambiente frequentato dalla vittima come chiave di volta per l'epilogo del giallo che avvolge l'omicidio di Nikolina Marinova. Ma, almeno per il momento, il caso resta aperto. La donna, bulgara di 30 anni, è stata trovata morta lungo il litorale della Plaia sabato scorso. Uccisa, non si sa ancora da chi e per quale motivo, almeno due giorni prima rispetto a quando è arrivata la segnalazione di una turista. Intenta a passeggiare sulla battigia e imbattutasi, suo malgrado, nel cadavere. Il corpo della donna era stato lasciato abbandonato appoggiato con le spalle a un muro, lato mare, di una fatiscente struttura in cemento armato, un tempo quartier generale del lido balneare Nettuno. Chi ha abbandonato Marinova forse ha anche cercato di occultarne il corpo, poi recuperato dalle forze dell'ordine in mezzo a un cumulo di spazzatura

La sezione omicidi dalla squadra mobile di Catania ha già sentito alcune persone, appartenenti alla cerchia di conoscenze della vittima. Le antenne degli investigatori sono orientate attorno al mondo della prostituzione. Attività che la bulgara avrebbe svolto tra corso dei Martiri e il Faro Biscari. Il primo passaggio è stato quello di dare un nome e cognome a quel corpo, reso possibile grazie alla procedura Afis, acronimo del sistema automatizzato di identificazione delle imrpronte digitali. Marinova in passato indicata erroneamente come di nazionalità rumena, era presente nei terminali di polizia a causa di un vecchio controllo. A questo si è poi aggiunto anche il ritrovamento della fotocopia di una carta d'identità.

Subito dopo è partita la ricerca delle altre donne con cui si sarebbe prostituita la vittima. Fino ad arrivare al compagno, un uomo di origini africane che però, stando a quanto ricostruito, non avrebbe fornito particolari utili alle indagini. L'autore del delitto - il fascicolo è in mano ai magistrati Antonino Fanara e Ignazio Fonzo - potrebbe essere un protettore, forse della stessa nazionalità della vittima, o un cliente. Ma la pista privilegiata sembrerebbe essere proprio la prima. Le indagini continuano a ritmo serrato e l'autopsia fornirà ulteriori dettagli sulla dinamica del decesso. Quel che è certo, stando alla prima ispezione cadaverica eseguita dal dottore Cataldo Ruffino, è che la vittima non avrebbe subito violenze sessuali nonostante sia stata ritrovata praticamente nuda, se si escludono un giubbotto e un reggiseno. La testa e il volto erano sporchi di sangue e presentavano diversi traumi compatibili con delle fratture.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews