Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Livio Tempesta, acqua sulle proteste

Davanti alla scuola del quartiere Angeli Custodi il Comune ha mandato un idrante per fare pulizia. Nei giorni scorsi le mamme hanno minacciato di non mandare i figli a lezione per le pessime condizioni igienico sanitarie delle strade vicine

Desirée Miranda

«Ci hanno chiamato per buttare dell’acqua perché qui c’è puzza. Ci fanno la pipì i cani, o non so cos'altro» spiega l’operatore della cooperativa Ipi Oikos, in servizio per il comune di Catania, che abbiamo trovato davanti alla scuola Tempesta del quartiere degli Angeli custodi ieri mattina. All’indomani delle minacce delle madri del quartiere di non far entrare a scuola i propri figli per le pessime condizioni igienico sanitarie della zona, sembra quindi che dal Comune abbiano voluto mettere una pezza, anche se la puzza, seppur attenuata, rimane. «Meglio avere i figli a casa che portarli qui per rischiare la loro salute» avevano tuonato.

Le lezioni vanno avanti ma si svolgono sempre con le finestre chiuse. Ovunque c’è odore di spazzatura o di pipì, e al di là delle condizioni igienico sanitarie di certo non buone, non si può fare lezione con la puzza letteralmente sotto il naso, anche con il caldo. D’altra parte il plesso scolastico è circondato da cassonetti, in cui non ci sono soltanto i classici sacchetti della spazzatura indifferenziata, ma anche un tavolo, calcinacci e tanto altro. «Non si può neanche passare per la troppa puzza, ma i miei figli li porto lo stesso a scuola, che altro posso fare? Le finestre, però, sono proprio sopra la spazzatura e i bambini non respirano» ci dice una mamma.

[youtube

Le mamme e gli abitanti aspettano che tutta la zona venga lavata e ripulita. Si vedrà così  se il passaggio del camion della cooperativa Ipi Oikos rappresenta un concreto segno di attenzione per la scuola e l'intero quartiere, o se invece resterà un caso isolato figlio delle ultime proteste.

[Foto di Always Sometimes Never]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×