Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, candidato forzista contro il 25 aprile
«Sono stato frainteso, io non sono un fascista»

Antonio Barbagallo, coordinatore cittadino azzurro e aspirante consigliere, nel giorno della Liberazione ha condiviso un post inequivocabile. A MeridioNews ridimensiona il tiro ma ricorda: «Se siamo in democrazia è grazie al sangue di tutti». Ferma la condanna del candidato sindaco del centrodestra Michele Di Re

Carmelo Lombardo

«25 aprile… Il giorno in cui i vili si proclamarono eroi». Una frase all’apparenza inequivocabile, condivisa su Facebook nel giorno dedicato alla festa di liberazione dal nazifascismo. Frasi e post di questo genere compaiono spesso sui social network e, allo stesso modo, passano in cavalleria. Ma tutto fa più rumore se a condividerla è uno dei candidati alle prossime Amministrative di Acireale. A firmare il tutto, infatti, è Antonio Barbagallo, attualmente coordinatore della sezione acese di Forza Italia e aspirante consigliere a sostegno del candidato sindaco Michele Di Re.

«Ammetto che, vista così, la definizione può sembrare infelice, ma io non sono fascista, non ho alcun rigurgito di quel tipo e non sono contro la democrazia – si difende Barbagallo parlando a MeridioNews - Il mio era un modo per affermare che se oggi siamo in democrazia è grazie al sangue di tutti e non solo di una parte». Barbagallo fa riferimento ai presunti crimini compiuti dai partigiani: «Si è scoperto che anche loro sono stati autori di fatti spiacevoli». Poi il candidato aggiunge che, sulla questione, andrebbero fatti dei ragionamenti: «L’argomento è complesso, credo che la Resistenza sia stata necessaria perché ogni dittatura va combattuta, ma se a distanza di settant’anni è stato accertato, anche grazie a molte ricerche, che chi vince diventa sanguinario tanto quanto il vinto, credo che qualche domanda bisogna farsela». Un'equiparazione, quella tra partigiani e fascisti, che però non regge alla prova del libro di storia.

In tanti, critici nei confronti delle parole usate da Barbagallo, hanno sottolineato il proprio disappunto. Qualcuno non ha esitato a chiedere un suo passo indietro. «Scriviamo tante cose su Facebook e ribadisco che possono essere interpretate in malo modo – conclude – qualcuno ha colto subito l’occasione per strumentalizzare le mie parole». Nessun passo indietro, dunque, sulla propria candidatura per Barbagallo, che comunque ha ridimensionato il tiro rispetto a quanto affermato.

Critico sulla vicenda anche Michele Di Re. Il candidato sindaco, vicino all'ex deputato forzista Basilio Catanoso, un passato nel Movimento sociale e in Alleanza Nazionale,  condanna le parole del suo uomo: «Non condivido quel post in nessuna misura, le forme di dittatura sono assolutamente da abolire». Sottolineando di essere un nome civico, antifascista e lontano da ogni schieramento politico, Di Re tuttavia pare non avere intenzione di prendere provvedimenti: «Non ci sono gli estremi per un ritiro della candidatura – dichiara -. Siamo in democrazia, appunto, pur non condividendo le parole di Barbagallo, se qualcuno sbaglia con le parole trarrà le proprie conseguenze elettorali».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews