Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ospedale Vittorio Emanuele, individuati aggressori
Pugni e insulti ai medici durante un codice rosso

I fatti risalgono al 15 marzo scorso, quando due uomini hanno picchiato i camici bianchi in servizio al Pronto soccorso del nosocomio di via Plebiscito. Ai domiciliari è finito Cristoforo Fuselli, mentre il fratello dovrà presentarsi alla polizia giudiziaria. Sono accusati di violenza, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Guarda il video

Redazione

Foto di: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Catania

Foto di: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Catania

Un codice rosso e la sala visite che si trasforma in un ring con i medici che vengono presi a pugni e insultati. Il palcoscenico è ancora una volta l'ospedale Vittorio Emanuele di via Plebiscito ma gli aggressori sono stati individuati dai carabinieri di piazza Dante. I fatti risalgono al 15 marzo scorso quando, alle 14 circa, alcuni camici bianchi erano stati chiamati d'urgenza al Pronto soccorso. Il paziente, arrivato privo di sensi sopra una sedia a rotelle spinta dai parenti, probabilmente era stato vittima di un'incidente stradale. Stando alla ricostruzione delle forze dell'ordine la situazione sarebbe degenerata in pochi minuti con i familiari che hanno invaso la sala visite.

Quando i medici hanno chiesto di sgomberare la stanza uno degli indagati, spalleggiato dal fratello, avrebbe iniziato a insultare una dottoressa, cercando pure di colpirla in faccia. È andata peggio a un collega, intervenuto per placare gli animi. Il professionista rincorso dagli aggressori ha cercato riparo in una stanza dell'unità operativa ma è stato raggiunto, bloccato e pestato. Dopo la denuncia delle vittime i carabinieri hanno ricostruito la vicenda, individuando gli aggressori grazie ad alcuni testimoni e alle riprese delle telecamere di sorveglianza.

Ai domiciliari è finito Cristoforo Fuselli, classe 1979, mentre il fratello, classe 1984, è stato sottoposto all'obbligo di presentarsi alla polizia giudiziaria. I due devono rispondere violenza, resistenza a pubblico ufficiale nonché lesioni personali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×