Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Flash mob evangelico a Catania
«I giovani li salva solo Gesù»

Un centinaio di credenti riuniti per «diffondere la parola di Dio e attirare i catanesi». Tra i passanti perplessi e poco interessati. Missione speciale: salvare la gioventù «senza principi, attraverso cui opera il nemico del Signore». I ragazzi , avvertiti del pericolo, fanno sapere: «Mi liberassero almeno dal precariato»

Perla Maria Gubernale

Un centinaio di Bibbie innalzate al cielo per due minuti e un lungo applauso di ringraziamento al Signore. Così si presentava ieri pomeriggio piazza Università, a Catania. Un flash mob cristiano, organizzato in occasione della Giornata nazionale dell'Evangelizzazione. Con lo scopo, poco sottile, di «diffondere la parola di Dio». Soprattutto tra i ragazzi.

Dopo una breve preparazione, alle 19.30 in punto i presenti - tra i vari hallelujah e lode al Signore - hanno letteralmente invaso piazza Università, trasformandola in una enorme cappella all'aperto. Dopo essersi raccolti in due file parallele formate da uomini e donne di tutte le età – compresi moltissimi ragazzi - , il suono di un fischietto ha segnato l'inizio del flash mob. Via con decine di bibbie in aria per due minuti, tra la preghiere generali. Riecco il fischietto: giù le bibbie, parte l'applauso. Al termine della cerimonia, i presenti si sono dedicati alla diffusione di volantini e a spiegare ai passanti - un po' perplessi, a tratti sconcertati, ma poco interessati - che «il Vangelo di Gesù Cristo è la salvezza».

«Sentiamo il bisogno di evangelizzare la gente, di portare parole di salvezza» dice Agata. Mentre cerca di catechizzare chi scrive. Insomma, a parte il raduno in piazza e i fischietti, nulla di nuovo all'orizzonte. Il perché questo bisogno si sia trasformato nell'idea di organizzare un flash mob cristiano lo spiega Ottavio Prato, pastore evangelico che ha guidato l'iniziativa organizzata insieme a Michele Sciuto. «Nella sua parola il Signore ha detto che quando sarà innalzato attirerà a sé tutti gli uomini - dice - Innalziamo la Bibbia per innalzare Gesù». Ma di catanesi attirati neanche l'ombra.

Un invito particolare ad incontrare la fede è poi rivolto ai giovani.  Se non bamboccioni - come direbbe il ministro Renato Brunetta - quanto meno sulla via della perdizione. «Sappiamo che oggi ci sono tanti giovani che sono senza principi - spiega il pastore - Tra alcol e droga, senza affetto per i genitori. Noi crediamo che Cristo Gesù sia l'unico che possa dare un senso alla loro gioventù». Prima che sia troppo tardi, insiste Agata. Che avverte: «Abbiamo un Dio, ma c'è anche un nemico di Dio, che vuole la distruzione di ogni cosa ed opera in mezzo ai giovani. Soltanto Gesù li può liberare».

Ma loro, i ragazzi, lo sanno? «Mi liberassero dal precariato almeno», commenta Giuseppe, giovane passante. «Chiederò ai miei genitori - ribatte divertita una studentessa - Tra me e le tasse universitarie che aumentano non so cos'è più distruttivo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×