Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Migliaia di studenti in piazza
Protestano i licei, universitari a casa

Anche a Catania quella di oggi è stata una mattinata di cortei, ma senza scontri. Erano tanti gli studenti medi che hanno sfilato pacificamente per le vie del centro storico, in attesa della giornata mondiale degli indignados, il prossimo 15 ottobre. Universitari non pervenuti

Luisa Santangelo

Erano circa duemila, secondo le Forze dell'ordine presenti stamattina sul posto, gli studenti medi che hanno sfilato per le vie del centro di Catania, da piazza Roma a piazza Dante, per protestare contro i tagli alla scuola pubblica e alla ricerca messi in atto dal ministro della Pubblica istruzione Mariastella Gelmini. Stima diversa, invece, quella dei ragazzi del Movimento studentesco catanese, che parlano di oltre diecimila partecipanti. Dalla Questura, però, non arrivano cifre ufficiali.

In attesa della giornata mondiale degli indignados, prevista per il 15 ottobre, oggi in tutt'Italia i ragazzi delle scuole superiori sono scesi in piazza, anticipando l'ulteriore protesta che verrà. A Roma, Genova e Milano non sono mancati momenti di tensione tra i manifestanti e le forze dell'ordine. Nella capitale, palloncini pieni di vernice sono stati lanciati contro i cordoni della Polizia; durante la manifestazione nel capoluogo ligure, invece, alcuni fumogeni sono stati indirizzati alla sede della Banca d'Italia; situazione più calda sotto la Madunina, dove militari in assetto antisommossa hanno respinto coi manganelli i giovani che sono usciti dal corteo tentando di entrare all'interno della sede della regione Lombardia.

Nessuno scontro, invece, a Catania. Il corteo è partito alle 10:00 da piazza Roma, ha proseguito lungo viale XX Settembre e via Etnea, arrivando alle 12:30, in piazza Dante, a pochi passi dall'ex Monastero dei Benedettini, sede delle facoltà di Lettere e Lingue.

«Abbiamo iniziato molto presto quest'anno, prima ancora dell'inizio delle lezioni all'università», dichiara Matteo Iannitti, del Movimento studentesco catanese. «È un bel segnale - continua Iannitti - perché lascia intendere che saremo in grado di far sentire la nostra voce con forza». «Al momento, non si sta discutendo nessuna legge che ci riguardi», interviene Agatino La Rosa, Msc, che prosegue: «Quello che ci interessa è creare un dibattito».

«Siamo stanchi di non poter immaginare un futuro perché non sappiamo se l'avremo», afferma Ruggero, sedici anni, del liceo classico Spedalieri. E Chiara, diciassettenne, rilancia: «Me ne andrò da Catania, non posso restare: qui è tutto troppo chiuso. Se voglio combinare qualcosa nella vita non posso restare».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews