Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Comunali, parla il candidato con i refusi nei volantini
«Era solo una bozza, in lista per risollevare quartiere»

Il suo manifesto è diventato virale, ma adesso è il diretto interessato a chiarire i contorni di una vicenda nata per una affrettata condivisione su Facebook. «Capita di sbagliare ma i veri problemi sono altri», racconta l'uomo, padre di due figli e venditore di abbigliamento al mercato

Dario De Luca

«Il valora dell'amicizia». Anzi no: «Il valore dell'amicizia». Alle amministrative capita che uno slogan contenuto in un volantino elettorale, con tanto di refuso, faccia il giro del web diventando presto virale. Protagonista il candidato dell'Unione di centro Gianluca D'Arrigo, candidato alle prossime amministrative del 10 giugno nella sesta municipalità. Il suo santino, o almeno quello che passa tra decine di post su Facebook e gruppi Whatsapp, contiene in realtà anche un secondo errore: minucipalità invece di municipalità. In poche giorni l'aspirante consigliere di quartiere è stato messo alla gogna ma adesso, a chiarire i contorni di questa vicenda, è proprio il diretto interessato. 

«Mi hanno detto che la mia foto con gli errori sta girando molto ma le cose importanti nella vita sono altre e io certamente se mi candido lo faccio soltanto per provare a risollevare le sorti del mio quartiere», spiega contattato al telefono. «I veri problemi sono altri e, certamente, può capitare di commettere un errore», aggiunge.

Ma com'è stato possibile un doppio refuso del genere? «Si è trattato soltanto di una svista. Mi hanno mandato la bozza del fac-simile e senza accorgermi di nulla l'ho condiviso su Facebook». Da quasi anonimo candidato di municipalità ecco che D'Arrigo diventa in poche settimane popolare. In realtà quel volantino con i refusi, finito online per ufficializzare la sua corsa, è stato sostituito con le opportune correzioni. «Non ho mai stampato nemmeno una copia di quei manifesti», aggiunge l'uomo. Nella vita di tutti i giorni venditore di abbigliamento in piazza Carlo Alberto, nella tradizionale fera 'o luni. Sposato e padre di due figli racconta di essersi candidato già in passato, ma senza successo. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×