Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il nuovo reggente della Procura
e il porto delle nebbie di Catania

Dal 2001 al 2011, dieci anni di indagini, ricorsi e veleni. Attraverso un’infografica dettagliata, facciamo il punto sulla Procura catanese in attesa della nomina del successore del procuratore capo Vincenzo D’Agata. A contendersi la carica – non senza polemiche – Giuseppe Gennaro, Giovanni Tinebra e Giovanni Salvi

Claudia Campese

Una poltrona per tre nomi. A otto mesi dal pensionamento di Vincenzo D'Agata, la procura di Catania è ancora senza un capo. La nomina del nuovo reggente da parte del Csm è attesa tra pochi giorni e la scelta andrà fatta tra tre nomi: quelli di due magistrati catanesi, Giuseppe Gennaro e Giovanni Tinebra, e quello di Giovanni Salvi, leccese di nascita e romano d'azione.
E' per quest'ultimo che fanno il tifo associazioni e semplici cittadini che da anni chiedono al Csm di insediare alla procura etnea un magistrato estraneo alla città e perciò sicuramente indipendente dai suoi assetti di potere. E, soprattutto, estraneo ai veleni che spesso hanno intossicato i corridoi del palazzo di Giustizia di Catania.

Polemiche che hanno accompagnato anche la candidatura dei due magistrati etnei. Giuseppe Gennaro, attuale procuratore aggiunto, un passato da presidente dell'associazione nazionale magistrati, è stato uno dei protagonisti del secondo Caso Catania. Nel 2001 sono due colleghi a portare il suo caso davanti al Csm. Per l'acquisto di un villino a San Giovanni La Punta da un'azienda controllata da Carmelo Rizzo, poi accusato dai pm di collusione con il clan Laudani. Le indagini a carico di Gennaro sono sempre state archiviate, pur smentendo la difesa di base del procuratore: impossibile che lui e Rizzo non si conoscessero e a provarlo, oltre a diversi testimoni, c'è un assegno da nove milioni. Tanto basta alle associazioni antimafia catanesi per chiedere al Csm di non sceglierlo alla guida della procura etnea. E non va meglio per Giovanni Tinebra, attuale procuratore generale a Catania ed ex procuratore capo di Caltanissetta negli anni delle indagini sulle stragi di Capaci e via D'Amelio. Indagini e processi da rifare perché basati sulle dichiarazioni e l'autoaccusa del collaboratore di giustizia Vincenzo Scarantino. Allora ritenuto credibile da Tinebra e oggi tacciato di inaffidabilità per le smentite di altri pentiti e per aver più volte ritrattato la sua stessa versione dei fatti.

Considerato un outsider, ma dato in rimonta nei giorni scorsi, è infine Giovanni Salvi. Procuratore aggiunto a Roma dal 1984, per lui era stato pensato un trasferimento a Milano. Posto che occuperà se non dovesse venire eletto a Catania. Fratello dell'ex ministro del Lavoro Pds Cesare Salvi, per i suoi detrattori è il candidato comunista, mentre per molti – associazioni come Libera e Cittàinsieme, ma anche singoli cittadini - è lo straniero di cui Catania ha bisogno. Per «sperare in un futuro di legalità e giustizia per la nostra città», scrivono.

[Foto di Leandro Perrotta]

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×