Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La crisi per principianti
Cause e conseguenze in tre lezioni

Tre giorni di dibattito per parlare della crisi economica e sociale in tutte le sue sfaccettature, analizzarne le origini e proporre possibili modelli alternativi, compreso un nuovo ruolo di università e ricerca. E' un'iniziativa del Coordinamento unico d'Ateneo in occasione del giorno degli Indignados del 15 ottobre

Perla Maria Gubernale

Tre giorni di seminari e lezioni aperte per parlare delle conseguenze sociali, politiche ed economiche della crisi , ma anche per proporre possibili alternative al modello dominante, attraverso il dibattito, la comprensione e l'analisi delle cause scatenanti. È L'altra faccia della crisi, l'iniziativa lanciata dal Coordinamento unico d'Ateneo in vista della giornata internazionale degli Indignados, prevista per il 15 ottobre, in linea con le iniziative nazionali promosse dalla Rete 29 Aprile e organizzata in collaborazione con il Movimento studentesco catanese.

Fino al 13 ottobre a Catania si parlerà di economia, ma anche di politica ed università, lontano però dal linguaggio incomprensibile con cui ne parlano i media, attraverso un approccio più adatto ad una facile interpretazione. Ad sostenere il Coordinamento gli interventi tematici di tre ospiti illustri: Gennaro Carotenuto, Ugo Mattei e Francesco Sylos Labini.

«Lo scopo è quello di informare – spiega il professor Giuseppe Forte,  membro attivo del Cua – e di spiegare che queste crisi sono caratteristiche di un sistema sbagliato, ma molto diffuso nella società attuale. Si tratta dell'azione, da parte del Fondo Monetario Internazionale o, più in generale, da parte dei grossi sistemi di potere che determinano l'indebitamento degli stati più deboli. Su questi ultimi intervengono con misure restrittive che tendono a togliere a molti per dare a pochi. È questo il modello dominante». Da qui, sottolinea il docente, è nata l'idea che sta alla base dei seminari, volti a «spiegare che siamo in una situazione di crisi, ma nel caso in cui ne dovessimo uscire con tutte le varie azioni messe in atto da un governo teorico, si riproporrebbe sempre una situazione analoga a causa del modello che non funziona. Bisogna uscire da questo ciclo e trovare una via di sviluppo più sostenibile ed alternativa».

La scelta degli ospiti non è lasciata al caso: nel corso della tre giorni si parla di crisi sotto tre diversi punti di vista. Ieri è stato il turno di Gennaro Carotenuto dell'Università di Macerata, relatore di un incontro dal titolo L'America latina da alunna modello del Fmi a frammento di mondo multipolare, attraverso un'analisi dei «paesi che hanno risentito già di questi effetti e possono fare da modello per capire cosa succederà nel momento in cui anche noi cominceremo a seguire questa direttiva» spiega Forte: Spazio anche a «indebitamento, tagli, abbassamento del costo del lavoro: tutto quello che è argomento delle politiche liberiste, anche attraverso un paragone con gli Stati Uniti». Il secondo appuntamento è dedicato al possibile ruolo dell'università e della ricerca come soluzione alla crisi. Anche se, allo stato attuale, si tratta di una via difficilmente praticabile nel nostro Paese. Se ne discuterà oggi insieme a Francesco Sylos Labini, ricercatore del Cnr e autore del libro I ricercatori non crescono sugli alberi (ore 17, Facoltà di Giurisprudenza, Villa Cerami, Aula 5). Giovedì 13, infine, sarà il turno di Ugo Mattei, che parlerà de I beni comuni come strategia di uscita dalla crisi (ore 15.30 Aula Magna della Facoltà di Scienze Politiche).

Molto spazio all'analisi, quindi, ma anche alle possibili alternative che «non si mettono in atto dall'oggi al domani, questo è certo» sottolinea Forte, che parla anche della necessità di cambiare rotta, concentrandosi su obiettivi diversi, «che pongano al centro la persona e mettano in evidenza anche, ad esempio, il ruolo dell'interazione con l'ambiente, che oggi svolge un ruolo fondamentale. Serve quindi cambiare prospettiva e guardare sì al Pil, ma tenendo in considerazione che non è solo quello a determinare la qualità della vita».

«Il sistema universitario dovrebbe essere il primo a prevedere e a muoversi – dice il docente, riguardo al ruolo del mondo accademico rispetto alla crisi come guida per la societࠖ anche se nella realtà non è esattamente così». E sull'iniziativa del Coordinamento conclude: «Noi cerchiamo di sensibilizzare le persone rispetto ad uno stile di vita che deve essere cambiato, spiegare quello che succede e far sì che si prenda atto che o si cambiano le cose, oppure si arriva ad un punto di non ritorno».

 

[Foto di kevinmarsh]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews