Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Guide dell'Etna, cancellata la perimetrazione 
Sul caso parentopoli la Regione prende tempo

L'assessorato al Turismo ha revocato il decreto che riservava l'accompagnamento sulle zone sommitali del vulcano agli uomini del Collegio delle guide vulcanologiche. Allo studio c'è ora un riordino generale delle norme. Intanto il M5s attacca sulle presunte irregolarità nel concorso dei giorni scorsi

Francesco Vasta

Dopo la sospensione dello scorso gennaio, l'assessore regionale al Turismo Sandro Pappalardo ha posto fine alla breve e controversa esistenza della perimetrazione che consentiva esclusivamente alle guide alpino-vulcanologiche di operare al di sopra dei 2000 metri di quota sull'Etna. Il momento, specie dal punto di vista degli oppositori all'atto varato dall'ex assessore Anthony Barbagallo, non poteva essere più azzeccato. Pochi giorni fa il Tribunale amministrativo del Piemonte ha sancito il principio secondo cui «non esiste alcuna previsione statale di riserva professionale che copra ogni e qualsivoglia attività escursionistica che si svolga in montagna». La sentenza ha chiuso la contesa fra le guide alpine di quella regione e l'Aigae, l'associazione delle guide ambientali ed escursionistiche: i primi, sulla base della legge 6/1989, vantano da sempre l'esclusiva dell'accompagnamento in alta quota; i secondi spingono sulla liberalizzazione del settore affinché le guide abilitate dell'Aigae possano operare in ambiente montano, salvo ove siano necessarie conoscenze e tecniche alpinistiche

Del tutto analogo pare essere lo scontro andato in scena intorno al vulcano. Il decreto sulla perimetrazione dell'anno scorso ammetteva all'esercizio dell'accompagnamento, nella zona ricadente dai 2000 metri di quota fino ai crateri dell'Etna, solo i professionisti iscritti al Collegio regionale delle guide alpine e vulcanologiche. Un regalo, secondo l'Aigae e altre sigle dell'associazionismo di settore, «alla casta delle guide» a scapito di guide ambientali e altre figure molto attive dalle basse quote fino alle aree meno ostiche della sommità dell'Etna. Poco dopo il suo insediamento, Pappalardo aveva congelato gli effetti di quel contestatissimo decreto avviando un'ampia attività di ricognizione e studio del settore. Serve fare ordine, questo l'intento del governo regionale, nel campo delle professioni d'accompagnamento e di una normativa nell'insieme, talvolta, caotica. Motivando adesso la revoca, l'assessorato fa diretta menzione del «riordino generale della materia» in cantiere. «A giorni convocheremo tutti gli attori chiamati in causa, dalle associazioni al Collegio fino ai tour operator - spiega Pappalardo a MeridioNews - per condividere la nostra proposta. La stiamo rifinendo anche alla luce della sentenza del Tar del Piemonte». 

La contesa fra guide ambientali e guide vulcanologiche non è l'unico fronte aperto. Dopo l'esclusiva di MeridioNews sulla presunta parentopoli che avrebbe - stando alla denuncia finita sul tavolo della Procura di Catania - viziato l'esito del concorso per l'accesso al corso d'abilitazione per nuove guide vulcanologiche, il Movimento 5 stelle ha presentato un'interrogazione per spingere l'assessorato del Turismo a far luce sulla «mancanza di trasparenza e par condicio» e sulle presunte irregolarità. «In Sicilia - attacca la deputata Ars Angela Foti - anche per fare la guida dell’Etna pare sia necessaria la raccomandazione, sarebbe auspicabile che la Regione costituisca una commissione d'indagine con la sospensione degli esiti delle prove, per fare luce sulle circostanze denunciate». Pappalardo al momento non vuole sbilanciarsi: «Sto aspettando di avere contezza delle presunte irregolarità, agiremo sulla base di quanto ci sarà comunicato».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.