Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Dall'alberghiero a Giarre alla catena di ristoranti a NY
Guardione: «Qui da 12 anni, la cucina mi ha salvato»

Lo chef catanese, emigrato negli States a 24 anni, adesso gestisce tre locali nella Grande mela e fa conoscere all’estero i piatti della tradizione. «Quando arrivi ti senti solo in mezzo a una jungla». Noto per le sue maratone a base di pietanze locali, c'è una cosa che mangerebbe ogni giorno: «La pasta alla norma»

Flavia Musumeci

In cucina tutti gli chef sono siciliani – quindi non può permettersi di sbagliare - e nelle dispense si trovano solo materie prime provenienti dall’Isola. Chi vuole assaggiare i suoi piatti, però, deve volare a New York. È lì, infatti, che lo chef catanese Philip Guardione gestisce tre locali della catena siciliana Piccola cucina: un’osteria, un’enoteca e l’Estiatorio siciliano con cui ha voluto riprendere l’idea del mercato del pesce catanese «perché unisco la tradizione della cucina di pesce siciliana con quella greca e del Mediterraneo» racconta a MeridioNews

Philip scopre da piccolissimo la passione per la cucina. «Da bambino mi piaceva guardare mia nonna cucinare i piatti della tradizione siciliana», ricorda. Frequenta l’istituto Alberghiero di Giarre e prima ancora di completare gli studi decide di fare diverse esperienze di lavoro all’estero. Va in Svizzera, poi in Francia e a 24 anni, per la prima volta, negli Stati Uniti. «Ho conosciuto tanti tipi di cucina – continua lo l’executive chef della catena -, ma nei mie ristoranti faccio solo cucina siciliana perché è quella che amo che conosco nel profondo e quella che voglio far conoscere all’estero». 

Guardione racconta che la cucina isolana è molto amata all’estero «soprattutto l’arancino che è il piatto più conosciuto», aggiunge, e che lui ripropone «sempre in modo autentico e nel rispetto delle tradizioni e dei prodotti». Nella Grande Mela, però, lo chef è noto soprattutto per le sue maratone: prima l’Arancino day e poi la Giornata del cannolo, alla fine del mese di aprile. «Il Cannolo day è una ricorrenza che ho voluto anche qui a New York perché gli americani adorano questo dolce – spiega Guardione -. Per tutta la giornata abbiamo offerto cannoli a tutti i nostri clienti, 24 ore no stop». 

Il cuoco catanese, sbarcato negli States, pensava di fermarsi solo qualche mese oltreoceano. «Poi sono rimasto - racconta – vivo qui da 12 anni. Mi sono buttato, ho rischiato e dopo anni di sacrifici e di duro lavoro ho iniziato a vedere i risultati». Il piatto che gli ricorda di più la Sicilia è la pasta alla norma che da piccolo mangiava in casa e che ancora oggi, quasi 40enne potrebbe mangiare «tutti i giorni perché mi fa sentire a casa», confida. 

Tra i suoi progetti quello di tornare in Italia «per aprire una Piccola cucina by Philip anche nella mia terra – spiega lo chef – Ai giovani Italiani dico che in Italia come all’estero nessuno ti regala nulla e si deve lavorare duramente per ottenere dei risultati. Qui quando arrivi ti senti solo in mezzo a una jungla perché tutti i tuoi affetti più cari sono dall’altra parte dell’oceano, ma la passione per il tuo lavoro ti salva».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews