Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Cosa nostra, confisca da dieci milioni a Vacante
La mente imprenditoriale sposata ai Santapaola

«L'ho introdotto nella famiglia, facendogli conoscere la moglie. Lui si occupava di riciclare il denaro sporco». Il pentito Eugenio Sturiale è tra gli artefici della scalata di Roberto Vacante, classe 1963. Nipote del padrino Nitto per via del matrimonio con Irene Santapaola, figlia del fratello del boss. Un intreccio di parentele. E di società

Redazione

Dieci milioni di euro. A tanto ammonta il patrimonio che è stato definitivamente confiscato a Roberto Vacante, classe 1963, ritenuto nuova mente imprenditoriale della famiglia Santapaola-Ercolano di Catania. Il nipote di Nitto Santapaola ha sempre avuto un occhio particolarmente attento agli affari e adesso beni e società a lui riconducibili sono passati nelle mani dello Stato. Una fitta rete di aziende e immobili sui quali, a gennaio 2016, la procura di Catania aveva puntato l'attenzione: era l'operazione Bulldog, che prendeva il nome da alcuni campetti sportivi in costruzione. All'epoca, assieme a Vacante - che attualmente è detenuto -, finiscono in manette altre 15 persone. Tra le quali presunti prestanome e uomini di fiducia, ritenuti in grado di gestire i suoi affari ma facendo riferimento sempre al capo.

L'ex infermiere dell'ospedale Garibaldi - condannato in Appello a oltre 12 anni di carcere - della famiglia Santapaola è diventato parte integrante per avere sposato Irene Santapaola, figlia dell'ormai defunto Salvatore, fratello del padrino ergastolano Nitto. La confisca di oggi riguarda la cooperativa The bulldog camp (nella misura del 67 per cento delle quote societarie), l'impresa di gestione dei parcheggi Car service, l'attività edilizia Torrisi costruzioni e una serie di immobili, per un totale di quasi duemila metri quadrati, tutti in via Pietro Mascagni (zona stazione): un cantinato e un pianterreno, in cui era stato avviato un centro benessere. Anche i beni strumentali dell'attività sono stati confiscati.

In prima linea ad accusare Roberto Vacante c'è l'ex amico e testimone di nozze Eugenio Sturiale. Un passato da mafioso e un presente da collaboratore di giustizia insieme alla moglie Maria Palma Biondi. I due sul conto di Vacante hanno svelato aneddoti e affari che hanno dato il via all'inchiesta: «L'ho introdotto nella famiglia Santapaola, facendogli conoscere la moglie. Lui si occupava di riciclare il denaro sporco», spiegavano ai magistrati.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×