Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Via Dusmet, un mese dopo
«Ora è una circonvallazione»

Un mese dopo l'introduzione del nuovo piano del traffico, via Dusmet secondo i commercianti della zona «somiglia a una circonvallazione». Tra difficoltà di posteggio e auto che viaggiano troppo veloci mettendo a rischio i pedoni, c'è anche chi se la prende con il nuovo centro commerciale che sta per aprire nella zona del porto. «Vogliono farci chiudere per favorire i soliti potenti»

Leandro Perrotta

«Hanno migliorato la viabilità. Solo che ora la strada è una circonvallazione pericolosissima». A un mese dal nuovo piano viario, le parole del signor Giovanni, commerciante di via Dusmet, sono piene di risentimento. Se da un lato il traffico, per stessa ammissione dei commercianti della zona è «più scorrevole», dall'altro i cambiamenti hanno portato tanti problemi alle attività commerciali della Civita.

All'inizio di settembre, la centralissima arteria era stata resa a senso unico. Gli automobilisti potevano percorrerla solo andando da piazza Borsellino a piazza dei Martiri, non viceversa. Ma il 13 settembre è arrivato il dietro front dell'amministrazione comunale, ed è spuntata una nuova corsia che andava in direzione opposta. Il sindaco Raffaele Stancanelli l'ha chiamata «corsia di servizio», solo per gli autobus e per gli acquirenti dei negozi di via Dusmet. Le immagini, però, disegnano un quadro ben più trafficato.

«Hanno fatto tutto questo per farci chiudere. Sono due anni che la strada dal lato degli archi è chiusa, e da quel periodo sono iniziati i problemi. Adesso aprirà anche il centro commerciale al porto e la strada diventerà il loro parcheggio. Le decisioni le prendono solo per far comodo ai Virlinzi di turno». La signora Anna gestisce una rosticceria, ed è un fiume in piena. «In un mese abbiamo perso l'80 per cento della clientela, la corsia a scendere ha cambiato poco le cose, perché le macchine non possono posteggiare. Potevano lasciare via Vittorio Emanuele com'è sempre stata e fare via Dusmet a senso unico, ma nel senso opposto, cioè in discesa. Anche perché basta una macchina messa male e il traffico si blocca comunque».

[youtube

Al di là delle ripercussioni economiche sulle attività, il problema principale del nuovo piano viario sembra quello relativo alla sicurezza. «La strada è diventata pericolosissima, per i pedoni è impossibile attraversare» dichiara il signor Mauro, fruttivendolo. I clienti che vengono a fare acquisti in via Dusmet, ci spiega, con la nuova corsia di servizio devono necessariamente posteggiare lontano e raggiungere a piedi le attività commerciali. «Servirebbe almeno un semaforo pedonale - aggiunge il fruttivendolo - Ci sono già stati tre incidenti questo mese, perchè le auto passano a gran velocità». Della stessa opinione la signora Agata, che lavora alla rosticceria insieme ad Anna: «Certo che il traffico è migliorato, ma dal lato degli archi le auto viaggiano veloci, mentre la corsia di servizio dall'altra parte è diventata impraticabile per chi vuole andare a fare acquisti. Se io fossi un pendolare che passa da qui tornando dal lavoro, non mi fermerei».

Giovanni, che gestisce un minimarket, è stufo della situazione. Per lui, che non vuole che via Dusmet resti una circonvallazione, l'unico modo di risolvere il problema è ritornare al vecchio sistema. «Hanno chiuso il Duomo? Bene, i pedoni sono contenti, ma via Dusmet che c'entrava? Anche questa è una strada del centro, con la sua storia e la sua vita, non possono farla morire così. Dovrebbe riportare tutto a due anni fa, com'era prima di chiudere la strada del porto».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×