Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Droga Sicilia-Albania, magistrati di Tirana a Catania
Interrogatori a Bicocca per indagine sull'ex ministro

I magistrati della procura dei Crimini gravi della capitale albanese arriveranno dopodomani a Catania per interrogare tre detenuti. Tra loro c'è anche Moisi Habilaj, cugino del politico, ritenuto dalla procura etnea la mente di un maxi traffico di stupefacenti e armi. La vicenda ha portato all'accusa per l'esponente socialista

Dario De Luca

Una rogatoria internazionale per consentire l'interrogatorio di tre detenuti. Il giorno clou sarà dopodomani. Quando i magistrati della procura dei Crimini gravi di Tirana, con in testa probabilmente il pubblico ministero Besim Hajdarmataj, atterreranno all'aeroporto Fontanarossa, per poi raggiungere il vicino il penitenziario di Bicocca.  Un viaggio che ha come obiettivo principale quello di acquisire informazioni utili alle indagini che dall'altro lato del mare Adriatico vedono alla sbarra l'ex ministro dell'Interno Saimir Tahiri. Sotto accusa, e poi agli arresti domiciliari, dopo l'arresto del cugino Moisi Habilaj: Habilaj è ritenuto dalla procura di Catania, e dagli investigatori del Gico del nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza, la mente di un maxi traffico di droga e armi dall'Albania all'Italia. Affari da decine di milioni di euro per i quali si sarebbero seduti allo stesso tavolo albanesi e grossisti di Cosa nostra etnea. 

L'inchiesta italiana, conclusa ufficialmente a dicembre scorso, porterà a processo 15 persone e la prima udienza è fissata per il 31 maggio. In alcune intercettazioni, svelate in esclusiva da MeridioNews, i trafficanti facevano riferimento anche alla figura del politico socialista. Un presunto legame a cui si aggiunge anche una macchina, utilizzata dalla banda per gli spostamenti e intestata a Tahiri, che lo stesso però giura di avere venduto in nero a un cugino appartenente alla famiglia Habilaj. A essere sentiti dai magistrati albanesi saranno anche Maridian Sulaj e Nazer Seiti. Quest'ultimo estradato in Italia, non senza polemiche, dopo essere stato catturato dalla polizia albanese a Valona. Il 41enne, suo malgrado, è stato protagonista di un piccolo giallo nelle scorse settimane, quando nel Paese dell'aquila bicipite si era diffusa la notizia, poi rivelatasi non veritiera, di una sua collaborazione con i magistrati della procura di Catania. 

La crisi di governo che vive l'Albania dopo l'inchiesta Rosa dei venti non sembra conoscere soste. L'indagine nei confronti di Tahiri è stata preceduta dalla richiesta di arresto, poi negata dall'assemblea parlamentare. Passate 48 ore da quando le manette si sono strette attorno ai polsi del cugino Moisi Habilaj - resta latitante l'altro fratello Florian - il politico socialista ha mostrato un documento, con intestazione della procura di Catania, in cui dava conto dell'assenza di indagini a suo carico sul fronte italiano. Un foglio con molti punti difformi rispetto a quello tradizionalmente utilizzato dagli uffici giudiziari etnei. L'ultimo capitolo della vicenda risale al 12 maggio scorso, quando l'ex titolare dell'Interno è finito agli arresti domiciliari, revocati nella tarda mattinata di oggi.  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×