Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Caso Farmacia, parola alle difese
«Accusati per l'errore di un fax»

Nuova udienza della fase preliminare del processo per disastro ambientale e gestione di discarica non autorizzata. In aula è la volta dei legali degli indagati per il reato minore di turbativa d'asta. Funzionari universitari accusati di aver falsato la gara d'appalto per i lavori di rifacimento degli impianti di scarico dell'edificio 12 della Cittadella universitaria di Catania

Federica Motta

Continua il processo sul caso della Facoltà di Farmacia di Catania. A intervenire per prima, durante l'udienza a porte chiuse di ieri, è stata la Cgil, parte civile rappresentata dall'avvocato Pierfrancesco Iannello. Il legale, di fronte al giudice Alessandro Ricciardolo, ha ripercorso i passaggi delle lunghe e accurate indagini svolte dalla Procura e ribadito l'importanza di questo processo per cui l'associazione sindacale, «attenta ai diritti dei lavoratori, auspica che venga fatta chiarezza».

Insieme a lui, in aula, i legali degli indagati che avrebbero dovuto prendere la parola. A intervenire, tra questi, è stato però soltanto l'avvocato Attilio Indelicato che assiste Domenico Di Franca, uno dei membri della commissione di aggiudicazione della gara d'appalto per i lavori di rifacimento degli impianti di scarico dell'edificio 12 della Cittadella. Di Franca è accusato, insieme a Lidia Alfieri, Valeria Graffeo e Giuseppe Virzì, di turbativa d'asta e falso ideologico.

Secondo l'avvocato, per il suo assistito e gli altri membri della commissione il fatto non sussiste. «L'accusa - sostiene il legale - chiederebbe il rinvio a giudizio degli imputati sulla base di un errore verificatosi durante la redazione del verbale dell'appalto pubblico». Documento che, secondo la ricostruzione del pm, sarebbe invece la prova che l'asta è stata falsata: le buste sono state aperte prima dell'inizio della seduta, fissata nel verbale alle 9.35. A dimostrarlo, continua l'accusa, un fax con la richiesta di integrazione di documenti mancanti arrivato alle 9.30 e inviato dalla commissione alla ditta Cipea prima ancora che l'asta avesse inizio. A questa accusa, però, Indelicato risponde che «si tratterebbe di un orario sbagliato. Dalla lettura del fax si può notare, infatti, un secondo orario che indica 10.22». Questa anomalia potrebbe essere giustificata, secondo il difensore, con un guasto all'apparecchio dell'azienda. «Ecco perché - conclude - non potendo avere certezza di quale fosse l'orario corretto, chiedo che i quattro funzionari della Facoltà non vengano rinviati a giudizio».

In aula intanto rimangono in silenzio le difese degli indagati principali, quelli accusati di disastro ambientale e gestione di discarica non autorizzata: l'ex direttore amministrativo dell'Università Antonino Domina, il direttore del dipartimento di Scienze farmaceutiche Franco Vittorio, il dirigente dell'ufficio tecnico Lucio Mannino e i cinque componenti della commissione permanente sulla sicurezza (Marcello Bellia, Giuseppe Ronsisvalle, Francesco Paolo Bonina, Giovanni Puglisi, Fulvio La Pergola). I loro difensori rimandano la discussione che li riguarda alla prossima udienza, il 7 novembre.
Per conoscere la decisione del giudice sul rinvio a giudizio bisognerà attendere, invece, quella successiva, prevista per il 17 novembre prossimo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×