Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Laura Salafia presto a casa
«Non è facile, ma è tutto pronto»

È paralizzata dal collo in giù la studentessa ferita per errore lo scorso anno a Catania. Ma non si perde d'animo e vuole tornare presto in Sicilia. Dove «non porta rancore a nessuno», racconta Carla Giansiracusa, dottoressa dell'unità operativa spinale etnea che la ospiterà tra poco

Desirée Miranda

«È una ragazza straordinaria e con un bell’aspetto. Non fa altro che dire che vuole tornare in Sicilia e non porta rancore a nessuno. È consapevole che è stata una fatalità ed è proprio lei ad aiutare i genitori che invece sono molto affranti. Non ha mai pianto, direi quasi che è serena». E' questo il ritratto che Carla Giansiracusa, dottoressa dell’unità spinale unipolare dell’ospedale Cannizzaro, fa di Laura Salafia, la studentessa ferita per errore lo scorso anno in piazza Dante a Catania e da allora ricoverata vicino ad Imola. Al Montecatone rehabilitation institute, dove la dottoressa è andata a trovare la ragazza lo scorso lunedì, insieme all’assessore Mario Centorrino, in previsione del trasferimento di Laura proprio all’unità spinale catanese.

Trasferimento che avverrà a breve, «entro la fine del mese, al massimo entro la prima settimana di dicembre» conferma Maria Pia Onesta, fisiatra e responsabile della struttura etnea. Manca solo l'organizzazione del volo di cui si sta occupando la Regione, ha assicurato l’assessore Centorrino, ma non è cosa facile. Si tratta infatti di un volo privato di un aereo speciale. «Deve avere tutti i supporti e i sussidi necessari, come l’attrezzatura per la rianimazione e il respiratore artificiale. E poi serve un medico a bordo» spiega la dottoressa Onesti.

La situazione di Laura è delicata. È tetraplegica, bloccata dal collo in giù, e ha anche qualche difficoltà respiratoria. «Si tratta di una lesione al punto C4. Incompleta, ma pur sempre abbastanza grave se consideriamo che, in scala, quella più grave in assoluto è al punto C0 - spiega Maria Pia Onesta -. In più ha altre problematiche come la spasticità. Ma questa è una condizione che può migliorare e le è già stata impiantata una pompa per gestire il problema» aggiunge.

Laura rimarrà circa due mesi al presidio del Cannizzaro e poi potrà tornare a casa. Ne servirà una attrezzata, però, senza barriere architettoniche. Lei si sposta in carrozzina con l’aiuto di qualcuno e tutto deve essere progettato appositamente per lei. Non possono esserci gradini, le porte devono avere una grandezza adeguata, ogni tavolo o mobile non deve avere cassetti o pannelli che ne coprano la parte inferiore. Solo per fare qualche esempio. Di notte inoltre dovrà essere monitorata per eventuali apnee, così come dovrà continuare con la fisioterapia e i controlli all’apparato respiratorio, urologico e neuromotorio.

«È tanta la sua voglia di lasciare l’ospedale e tornare finalmente a casa» afferma Carla Giansiracusa. Laura non sarà mai autonoma e dovrà vivere con qualcuno che sappia assisterla in caso di necessità. È autonoma invece nella respirazione anche se «si stanca moltissimo a parlare e dopo gli sforzi o la notte ha bisogno di un ventilatore facciale che la aiuti a respirare» spiega la dottoressa. Laura è ancora tracheotomizzata, ma solo per sicurezza, finché non sarà trasferita. «Per lei è molto importante non respirare più dalla trachea - aggiunge il medico - Mi ha detto di aver fatto tanta fatica per respirare da sola».

La vita di Laura Salafia è così completamente cambiata da quel fatidico giorno in cui si è trovata nel posto sbagliato nel momento sbagliato. Sono già passati 15 mesi da quando è partita alla volta di Imola e intanto tante cose sono successe. Andrea Rizzotti - l'uomo che l'ha ferita per sbaglio - è stato condannato in primo grado a 18 anni di carcere. In aiuto della sua famiglia è stata lanciata una sottoscrizione. Ma, cosa più importante per lei, presto tornerà in Sicilia. L’ospedale ha tutta l’attrezzatura che le serve, la Regione si è impegnata a provvedere al volo e il Comune a coordinare tutte le attività di volontariato necessarie e la ricerca di un alloggio. Promesse che, se mantenute, la aiuteranno a realizzare i suoi nuovi propositi. Laura, ad esempio, vuole già tornare a studiare a Catania.

 

[Foto di justindc]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×