Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Tagli ai dottorati, 36 posti in tutto
I prof: «Una scelta miope»

Tra 20 giorni scadono i bandi per l'ammissione agli 11 corsi di studi di terzo livello per l'anno accademico 2011/2012. Ne sono stati attivati meno della metà rispetto al 2010, per via della decisione dell'ateneo di non finanziarne nessuno. «Come può l'università rinunciare alla sua ragione d'essere?», si chiedono alcuni docenti

Luisa Santangelo

Che la cura dimagrante imposta dall'ateneo di Catania agli studenti fosse drastica è cosa nota. E che a farne le spese sarebbero stati anche gli aspiranti dottorandi si sapeva da luglio, quando il senato accademico ha deciso di non finanziare borse di dottorato per il 2011/2012 e di stanziare i 2.500.000 euro disponibili solo per generiche "attività di ricerca". «In ogni caso saranno banditi i dottorati che otterranno finanziamenti esterni», aveva detto all'epoca il rettore Antonino Recca. Adesso che i bandi sono stati pubblicati e che manca meno di un mese alla loro scadenza – fissata per il 24 novembre – i risultati dei tagli sono evidenti.

Quest'anno, l'università etnea sarà sede di 11 dottorati, tre dei quali nazionali e i rimanenti otto internazionali, per un totale di 36 posti, nei settori di Agraria, Ingegneria, Medicina e chirurgia, e Scienze matematiche, fisiche e naturali.

Il salto indietro rispetto all'anno scorso è evidente: per il 2010 erano previsti in totale 39 dottorati, che tenevano in considerazione anche le facoltà di Farmacia, Scienze della formazione, Scienze politiche, Architettura, Economia, Giurisprudenza, Lettere e Lingue, oltre che la Scuola superiore. I posti disponibili erano 124, dei quali la metà finanziati tramite borse di studio.

«Credo che rinunciare al terzo livello di istruzione faccia venir meno l'università alla sua funzione», afferma Marcello Lattuada, docente al dipartimento di Fisica e astronomia ed ex direttore dei Laboratori nazionali del Sud. «Il senato accademico ha deliberato finanziamenti a singhiozzo, un anno alla ricerca e quello dopo ai dottorati – prosegue Lattuada – Ma che significa? Come può un ateneo decidere se destinare o meno fondi a quella che dovrebbe essere la sua linfa vitale?». Quella dell'università etnea sarebbe, secondo Lattuada, una «scelta miope», basata «su briciole di finanziamenti». I 2.500.000 euro destinati alla ricerca «si traducono in poco più di un migliaio di euro per ogni docente dell'ateneo: non bastano per fare nulla di buono», sostiene il professore. E il meccanismo dei «soldi a periodi alterni» causerebbe una ulteriore fuga di studenti: «Andranno a fare il dottorato fuori, perdiamo generazioni, le saltiamo a piè pari. Oppure – suppone – rendiamo possibile l'eventualità che il prossimo anno facciano domanda troppi più studenti di quanti possiamo assorbirne».

«Le facoltà umanistiche non hanno attrattiva per i finanziatori esterni, di conseguenza non sono stati attivati dottorati che ci riguardino», dice Nunzio Famoso, ex preside della facoltà di Lingue. Sulla decisione di finanziare la ricerca e non i dottorati è scettico: «Mi sembra che così si scontentino tutti, ma staremo a vedere: magari raschiando il fondo si trovano altri soldi».

[Foto di f_shields]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews