Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Movimento 5 stelle chiude la campagna in Centro
Aperitivo e passeggiata sognando il ballottaggio

In prima linea Giovanni Grasso. Dopo la sosta, previsto un giro tra le vie della città, ultimo atto prima del silenzio. L'obiettivo potrebbe essere il secondo turno. «Catania ha bisogno di rinnovamento», spiega l'aspirante primo cittadino a MeridioNews

Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Non bisogna nascondersi. Il Movimento 5 stelle ci crede e punta l'obiettivo: «Giovanni Grasso sindaco di Catania». Magari passando dal ballottaggio. Perché lo scontro politico che si consuma a Catania non è una battaglia semplice. Ai 90 candidati pentastellati, disseminati tra circoscrizioni e Consiglio comunale, si contrappongono oltre mille contendenti, divisi tra gli schieramenti del primo cittadino Enzo Bianco e del candidato del centrodestra Salvo Pogliese, europarlamentare di Forza Italia. Ecco perché, a conti fatti, la strada da percorrere potrebbe essere quella che porta al secondo turno. Scalata comunque non semplice, perché se l'esponente azzurro viene dato da radio popolo come avanti, l'eventuale contesa viene data per certa solo con chi ha governato negli ultimi cinque anni. 

Per tracciare un resoconto di questa campagna elettorale il M5s ha deciso di radunarsi in un noto locale del Centro storico, nei pressi di piazza Teatro Massimo. Soltanto qualche ora prima centrodestra e centrosinistra si dividevano tra gazebo e visite di prestigio, come quella dell'ex ministro dell'Agricoltura, oggi reggente del Partito democratico, Maurizio Martina. Grasso, affiancato dai suoi candidati e dalla vicesindaca designata Matilde Montaudo, preferisce una lunga tavolata. Un brindisi e poi via tra le strade della città per gli ultimi scampoli di campagna prima del silenzio elettorale. Il clima è sereno, gli sguardi sorridenti. La scommessa però è di quelle importanti, come ha fatto capire anche il leader Luigi Di Maio, arrivato ai piedi dell'Etna nei giorni scorsi per imprimere una vigorosa spinta a Grasso

«Il lavoro che abbiamo fatto è cominciato dai quartieri, che sono gli stessi che hanno imposto in noi l'idea di un cambiamento per la città - spiega a MeridioNews il candidato sindaco -. Davanti a 14 liste speriamo di non avere troppe segnalazioni. In questo senso ci aspettiamo la giusta assistenza da parte della prefettura». La differenza tra il Movimento e gli altri? «Noi veniamo dal basso veramente, diventando quasi un partito di massa». In una campagna elettorale decisamente fiacca non sono mancate le stilettate, limitate però al duo Bianco-Pogliese. Il primo, soprattutto, ha più volte ricordato il processo che coinvolge il suo avversario. Una sorta di mancanza di considerazione che però non spaventa Grasso: «Noi abbiamo cominciato la campagna elettorale un mese prima e abbiamo fatto tutto per farci conoscere. La loro è stata una corsa anche di potenza economica. Io credo solo che Catania abbia bisogno di un rinnovamento e di una politica orientata ai cittadini».

Nel dibattito di questa sera non possono mancare i riferimenti alla nuova fontana del tondo Gioeniinaugurata da Bianco dopo un lungo ritardo e diventata uno degli argomenti chiave verso l'avvicinamento al voto. «Daremo all'amministrazione una direzione basata su legalità e trasparenza - spiega Montaudo -. Se scelti come forza per governare cancelleremo il nome di Bianco dal prospetto della fontana. Al suo posto metteremo quello del giornalista Pippo Fava».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews