Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scapagnini condannato in appello
Rimborsi illegali per la cenere lavica

Due anni e sei mesi di reclusione per abuso di ufficio e reato elettorale. Il processo d'appello conferma la sentenza di primo grado per l'ex sindaco di Catania che, nel maggio 2005, a pochi giorni dalle elezioni poi vinte, decise di conferire un bonus non valido nelle buste paga dei dipendenti comunali

Leandro Perrotta

Processo cenere lavica, arriva la sentenza d'appello. L'ex sindaco di Catania Umberto Scapagnini è stato condannato a due anni e sei mesi di carcere per abuso di ufficio e reato elettorale insieme agli ex assessori comunali Nino Strano, Antonino Nicotra, Filippo Grasso, Ignazio De Mauro, Fabio Fatuzzo, Orazio D'Antoni. Il caso risale al maggio del 2005 quando l'amministrazione comunale decide con due delibere la restituzione dei contributi previdenziali versati durante l'emergenza cenere lavica dell'Etna. Circa quattro mila dipendenti del Comune si ritrovano quindi tra i 300 e i 1300 euro in più in busta paga. Appena tre giorni prima delle elezioni comunali, che vedono Scapagnini riconfermato sull'avversario Enzo Bianco per poche migliaia di voti.

Tutto parte da un decreto del ministero dell'Economia del maggio 2005, ma rivolto soltanto a 13 comuni etnei, tutti pedemontani: Belpasso, Castiglione di Sicilia, Linguaglossa, Nicolosi, Ragalna, Acireale, Milo, Piedimonte Etneo, Santa Venerina, Zafferana Etnea, Giarre, Sant'Alfio, Acicatena. Tra questi non c'è Catania e comunque l'Inpdap - l'ente preposto a recepire il decreto ministeriale - lo avrebbe fatto solo mesi dopo l'iniziativa comunale. La mossa, quindi, secondo i giudici, sarebbe arrivata in anticipo, senza il preventivo parere di regolarità contabile della ragioneria generale e su un Comune non inserito nel decreto.

Così, trascorsi pochi mesi dalla delibera comunale, l'ente previdenziale richiede la restituzione delle somme ai dipendenti - in undici anni senza interessi, con decurtamento dalla busta paga -, mentre a novembre del 2005 la procura della repubblica annuncia la conclusione delle indagini chiedendo il rinvio a giudizio di Scapagnini e degli ex assessori comunali.

A sei anni di distanza, la seconda sezione della Corte d'appello di Catania, presieduta da Michele Ciarcià, conferma in pieno la sentenza di primo grado, nonostante l'accusa avesse chiesto la sola condanna a otto mesi per abuso d'ufficio e l'assoluzione per la presunta violazione elettorale. Il sostituto procuratore generale Domenico Platania aveva anche chiesto la revoca del risarcimento, quantificato in 50 mila euro in favore di Enzo Bianco che si era costituito parte civile al processo di primo grado, sostenendo di essere stato penalizzato dall'iniziativa della giunta nella campagna elettorale per le comunali del 2005.

«E' chiaro come le elezioni del 2005 siano state viziate da comportamenti che la magistratura ha ritenuto illeciti che hanno pesantemente influito sul voto», commenta oggi la sentenza il senatore Bianco. Ma il pronunciamento influirà sulla sua decisione di ricandidarsi a sindaco di Catania? Gianluca Reale, addetto stampa dell'ex sindaco, non ritiene che la vicenda possa influenzare una eventuale nuova corsa per Palazzo degli Elefanti. «Sono vicende vecchie e già concluse, che certamente non influiranno sulle decisioni future – commenta Reale -. L'unico dato che importa è la riconferma del risarcimento che verrà destinato in beneficenza per i ragazzi del quartiere Librino».

Scapagnini - che ha attualmente sospeso la sua attività politica - non era presente in aula al momento della pronuncia della sentenza, a causa delle sue precarie condizioni di salute. Curiosamente, nel maggio del 2011, l'ex sindaco è stato assente a una delle udienze proprio per i problemi causati all'aeroporto di Catania dalla cenere lavica. Recentemente, inoltre, gli è stata inflitta un'ulteriore condanna in primo grado a due anni e nove mesi di reclusione per falso in bilancio nel processo sul buco di bilancio del Comune etneo.

[Foto di Albe86]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×