Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Le strade vicine a seggi invase da volantini elettorali
«Mi ha dato un santino, ho minacciato di denunciarlo»

Nel giorno in cui si vota per eleggere il sindaco e i consiglieri, il silenzio elettorale sembra un optional. Lungo un marciapiede pare sia passato «Pollicino». Un'assessora designata sarebbe stata fermata da un giovane, che poi è fuggito dentro un Caf. Guarda il video e le foto

Marta Silvestre

Volantini elettorali ovunque. Disseminati lungo le vie della città di Catania in cui oggi le urne sono aperte - dalle 7 alle 23 - per eleggere il nuovo sindaco e la squadra dei consiglieri comunali. Le facce dei candidati stampate sui foglietti sono in bella vista soprattutto davanti ai vari seggi. 

«La situazione è fuori controllo - si legge in alcuni commenti sui social sotto video o foto che immortalano bordi di marciapiede invasi dai santini elettorali - Mai si era arrivati a questo livello davanti alle scuole». Fra chi afferma di aver visto, nella giornata di ieri, in cui vigeva già il silenzio elettorale, «volantini lanciati dall'autobus sulla circovallazione» c'è anche chi ironizza su un Pollicino candidato nel capoluogo etneo. Come si vede dal video, infatti, c'è un marciapiede in cui i santini di un aspirante politico sono perfettamente allineati uno davanti all'altro, accanto alle erbacce attaccate al muro, fino a condurre al seggio.

Ma ci sarebbe di più: persone che bloccano davanti ai seggi i cittadini che si stanno recando a votare per tentare di influenzarne la preferenza, fino all'ultimo momento. Uno di questi casi è stato denunciato da Loredana Mazza, assessora designata del candidato sindaco del Movimento cinque stelle Giovanni Grasso. «Stavo andando a votare nel seggio all'interno della scuola in via Enrico De Nicola, quando - racconta a MeridioNews - mi si è avvicinato un ragazzo con dei santini in mano. Il suo chiaro intento era quello di consegnarmene uno per provare a intercettare il mio voto».

 

Inaspettata per il giovane la reazione della donna. «Ho subito detto: "Guarda che questo è reato" e gli ho chiesto di dirmi il suo nome e cognome». Intimorito, però, il ragazzo sarebbe fuggito «prima - aggiunge Mazza - diretto verso un Caf che si trova nelle vicinanze per rifugiarvisi dentro poi però, resosi conto che poteva mettere nei guai anche il centro di assistenza, ha continuato a correre e ha buttato a terra i volantini». Entrata dentro l'istituto scolastico, l'assessora designata ha notato che «l'ingresso era pieno zeppo di santini. Sono salita per votare e per riferire tutto quanto accaduto ai carabinieri che, per un po', hanno presenziato l'ingresso della scuola. Contemporaneamente alcune persone che piantonavano la zona si sono allontanate». 

Mazza ha anche chiamato i vigili urbani per «chiedere che fosse ripulita la strada e l'androne. Qualche volantino l'ho perfino raccolto io mentre aspettavo. Dopo un'oretta mi sono resa conto - conclude - che era meglio che non rimanessi oltre per evitare che qualcuno potesse anche solo sospettare che anch'io fossi lì per intercettare i voti delle persone». Fino a quando lei è rimasta nessuno era intervenuto per pulire l'area dai volantini. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews