Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Comunali '18, candidati e galoppini davanti ai seggi
Tra tensioni alla Vespucci e folla di scooter a Librino

«Che cazzo vuoi? Che cazzo fai? Fai foto?». È quello che si è sentita gridare contro una rappresentante di lista di Partecipa, movimento che si candida per la prima circoscrizione. All'ingresso della scuola, alcuni candidati

Di fronte alla scuola Vespucci, tra via Zappalà-Gemelli e via Auteri, la tensione è palpabile. Di fronte all'ingresso ci sono tre  agenti della polizia municipale e la rappresentante di lista di Partecipa, il movimento che si candida alla prima circoscrizione. «Mi hanno aggredita - racconta - Ho detto che era illegale quello che stavano facendo e hanno iniziato a urlare "Che cazzo vuoi? Che cazzo fai, fai foto?"». Accanto a un motorino, a pochi metri di distanza dall'ingresso dell'istituto comprensivo, ci sono diverse persone che spartiscono santini elettorali a chi passa. Uno è Giuseppe Massimiliano Laineri, candidato al consiglio di quartiere con la lista Salvo Pogliese sindaco.

«Una scelta d'amore per il quartiere», recita il suo manifestino elettorale. Uno di quelli che tiene dentro al sellino del motorino e che distribuisce ad alcune persone che, a loro volta, le distribuiranno agli elettori. A chiacchierare con lui, sempre a pochi metri dall'ingresso della scuola, arriva Franco Saglimbene, consigliere comunale uscente e ri-candidato a Palazzo degli elefanti con Fratelli d'Italia. Dall'altra parte della strada, in via Bozzomo, c'è un'altra persona che aspetta l'uscita degli elettori dal seggio: in giacca e camicia si ferma a parlare solo con alcune delle persone che escono dall'istituto comprensivo, tessere elettorali alla mano. «Dammi il tuo numero, ne parliamo dopo le elezioni», dice l'uomo a un altro che ha appena votato, proprio mentre gli passiamo accanto.

In via Gramignani, in uno dei plessi della scuola Livio Tempesta, è il regno del candidato di Forza Italia Dario Bussolari. Per terra c'è quasi soltanto la sua faccia, che spicca tra i manifestini che tappezzano la strada a centinaia. Di Riccardo Pellegrino, che pure lui è un punto di riferimento del quartiere di San Cristoforo, santini ce ne sono molti di meno. Anche lì davanti si parla di elezioni: «Questo è il simbolo, l'importante che ti ricordi che questo è il simbolo». Il nome associato, però, non riusciamo a capirlo e, dopo averci notati, il gruppetto composto da un uomo, una donna e due bambini si allontana.

A Librino lo spartito è diverso: di fronte all'istituto scolastico Pestalozzi di viale Nitta c'è una folla di scooter di fronte all'ingresso principale della scuola. «Viri ca' sugnu ca' e ti taliu», grida - ridendo - un ragazzo da un motorino. «U' sacciu», gli risponde un uomo che varca la soglia dell'istituto onnicomprensivo, guardato da alcuni militari della guardia di finanza, schierati all'ingresso. Poco dopo, esce un signore con una carpetta con un logo ministeriale. A uno a uno si avvicina a quelli che osservano chi entra e chi esce dall'istituto scolastico. «Voi avete votato? Sì? E allora ve ne potete andare». Un uomo si allontana di pochi passi, si fa dare una sedia di plastica bianca e un panino, e si siede a mangiare, con vista sul seggio. Poco più in là, in viale Bummacaro 10, alla Campanella-Sturzo i parcheggiatori abusivi - a differenza delle Regionali - non danno indicazioni di voto a chiunque passi ma presidiano i cancelli. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×