Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, la Digos interviene al seggio di S. Tecla
Dissidio tra attivista M5s e candidata della Lega

Una rappresentante di lista pentastellata era convinta che Giusi Brischetto, aspirante sindaca salviniana, non avesse il diritto di stazionare nei pressi del seggio. Ma a quanto pare la legge è di altro avviso. «Non chiedo il voto, non porto con me materiali elettorali», dice la leghista

Marco Militello

Un dissidio tra un'attivista del Movimento 5 stelle e la candidata sindaca Giusi Brischetto ha reso necessario l'intervento della Digos ad Acireale. La rappresentante di lista grillina Claudia Carrìon era convinta che, per legge, l'aspirante sindaca della Lega non potesse stazionare nei pressi dell'ingresso del seggio 46 di Santa Tecla, una frazione a mare. «Ho chiamato direttamente la prefettura - spiega Carrìon a MeridioNews - affinché spedisse qui la Digos. Loro - prosegue la ragazza - hanno detto che Brischetto può stare lì, ma senza fare campagna elettorale. Lei però è là, è un manifesto vivente. Però non ho visto richieste di voto esplicite, solo saluti, abbracci, baci». Carrìon aggiunge che aveva segnalato poco prima, nel pomeriggio, anche la presenza del candidato sindaco del centrosinistra Rito Greco, che poi aveva preferito andare via. 

L'intervento della Digos viene confermato anche da Giusi Brischetto. «La norma parla chiaro - dice la candidata della Lega - non si può fare propaganda elettorale se non a duecento metri dal seggio, ma non parla della presenza del candidato. La legge parla per altro di influenza sul voto, ma guardi, io scendo dall'auto senza nemmeno la borsa, di proposito, non porto con me materiali elettorali e saluto dalla porta, anche se non è vietato entrare». «Ho girato quasi tutti i seggi, e nessuno ha segnalato niente. Per me il rispetto delle regole - conclude Brischetto - viene prima di tutto». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×