Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Unict, Addio alla facoltà di Lingue
Pioletti: «È un nuovo inizio»

A pochi giorni dalla fine formale della facoltà a Catania, abbiamo chiesto ad Antonio Pioletti – preside fondatore – le sue impressioni su questi dieci anni. Un lungo periodo fatto di progetti e battaglie, coinvolgendo anche il territorio. Per il docente «è inutile rammaricarsi». Adesso bisogna ripartire

Carmen Valisano

Da meno di una settimana la facoltà di Lingue e letterature straniere di Catania non esiste più, dopo un lunghissimo anno nel quale si sono susseguite controversie – anche legali – per mantenere il polo nella sua sede etnea. Chissà se dieci anni fa Antonio Pioletti, preside fondatore della facoltà, pensava ad un epilogo di questo genere. «Nell’anno accademico 99/2000, onestamente, non me lo chiedevo nemmeno – risponde –. Tanta era la tensione in positivo che si pensava solo a costruire. L’impegno, mio e di tutti i colleghi, era grande ed era rivolto solo a questo progetto». Una nuova maniera di intendere l’università, coinvolgendo anche il territorio e la società civile. «Abbiamo adottato un motto: una facoltà nuova, non una nuova facoltà – spiega il docente –. Una sorta di esperimento rispetto alla tradizione accademica».

E di esperimenti ne sono stati fatti molti, a partire da quelli rivolti agli studenti: «Grazie ai colleghi più sensibili, abbiamo lavorato ad una serie di progetti rivolti al mondo della comunicazione, come i Medialab, Step1 e Radio Zammù. Senza dimenticare il cinema in lingua originale, il Learn by movies». Insomma, per il prof. Pioletti non ci sono dubbi: «Abbiamo rappresentato un esempio di come fare facoltà».

Purtroppo, a dispetto degli sforzi e delle migliori intenzioni, è obbligatorio il ritorno al 2011 e alla chiusura della più giovane delle 12 facoltà dell’Ateneo catanese. «Il processo che ci ha portato fin qui è stato complicato. È tuttora una situazione complessa, che si intreccia con la fine delle strutture dell’università così come la conosciamo oggi e con le problematiche economiche che non lasciano scampo» afferma l’ex preside. Ma non bisogna vedere il classico bicchiere mezzo vuoto: «A differenza di quanti si sentono sconfitti, il mantenimento dell’asse formativo linguistico a Catania è una vittoria – dice Pioletti –. Ho sempre cercato di guardare ai contenuti, tentando di salvaguardare un’offerta formativa di estrema importanza». La possibilità di studiare lingue straniere a Catania - seppur presso la facoltà di Lettere che ne ha assorbito i corsi di laurea - è, secondo il docente, un successo. «Spero che quest’asse resti, visto che sia il nostro territorio che i nostri studenti lo chiedono. E comunque, vista l’introduzione del numero chiuso per l’accesso a tutte le facoltà, non c’è nemmeno un problema di concorrenza con la sede di Ragusa».

A proposito della sede iblea, al centro di molte discussioni nei mesi passati, Pioletti la ritiene ancora un’esperienza positiva. «Il polo di studi orientali è stata una fonte di attrazione per molti studenti e docenti, non si possono tacere dei risultati così importanti».

«È inutile rammaricarsi» afferma con decisione il professore. Il suo pensiero va agli studenti – a suo avviso quelli che stanno più soffrendo della situazione – e alle sfide che la riorganizzazione dell’università post-riforma pone. «Dobbiamo fare nostra una visione che porti al miglioramento della qualità dell’offerta formativa», dice. E con tranquillità conclude: «Si tratta di un nuovo inizio».

[Foto di jakeandlindsay]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews