Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Niente da fare per Grasso del Movimento 5 stelle
«Pagato il calo votanti e consenso nei quartieri»

Il candidato sindaco grillino si attesta al terzo posto. Irraggiungibile il sindaco uscente Enzo Bianco, vero obiettivo della vigilia per il sogno ballottaggio con il vincente Salvo Pogliese. Adesso è tempo delle analisi interne ma le porte del Comune si sono aperte 

Dario De Luca

Foto di: Alessio Marchetti

Foto di: Alessio Marchetti

Se guardi il bicchiere mezzo vuoto è una sconfitta pesante e che farà riflettere. Al contrario, volendo salvare qualcosa, per la prima volta si apriranno le porte di Palazzo degli elefanti. Il Movimento 5 stelle è il grande battuto delle amministrative di Catania. Giovanni Grassocandidato alla carica di primo cittadino, si è attestato al terzo posto in una corsa a cinque in cui l'ambizione minima era quella di raggiungere il ballottaggio. Cosa non ha funzionato? Per le analisi c'è tempo ma è chiaro che il punto di partenza sarà la difficoltà che i pentastellati tendono a pagare fuori da politiche e regionali. «La gente non ha voglia di cambiamento», commenta in maniera telegrafica il candidato grillino dalla sede etnea di via Filocomo. Nel quartier generale, subito dopo la chiusura delle urne, le sensazioni non erano positive e la parola d'ordine era solo una: «Aspettiamo». Passata poco più di un'ora lo spartito era già definito, nonostante le poche sezioni scrutinate. 

«Non saprei dire cosa ha inciso. Forse il calo dei votanti?», si domanda Grasso mentre smorza la tensione fumando una sigaretta davanti all'ingresso del meet-up. Rispetto al 2013 la percentuale dei votanti è scesa del 10,19 per cento, ma in quell'occasione si votò in due giorni e il Movimento 5 stelle raccolse uno striminzito quattro per cento con la candidatura a sindaca di Livia Adorno. Cinque anni dopo ci sarà comunque l'esordio ufficiale nella sala consiliare di piazza Duomo. «Abbiamo pagato anche il voto nei quartieri», continua. Gli apparati, come sempre accade, si sono mobilitati davanti ai seggi elettorali, esercitando un capillare controllo del voto. 

Un capitolo diverso è, invece, quello che riguarda le liste. Combattere contro gli eserciti di candidati non è mai una faccenda semplice. In questa tornata elettorale, come tradizione vuole, il Movimento è sceso in campo con una sola compagine. Salvo Pogliese, candidato del centrodestra, dalla sua ne aveva nove. Mentre il sindaco uscente, l'ex ministro Enzo Bianco, si è accontentato di cinque

Le aspettative grilline erano comunque molto alte. L'entusiasmo aveva raggiunto decibel elevati con il cappotto delle politiche dello scorso 4 marzo. Un 28 a 0 che aveva rimandato alla mente il famoso 61 a 0 di Forza Italia. Dati alla mano non ha inciso positivamente nemmeno la visita del leader Luigi Di Maio e l'entrata nel governo giallo-verde guidato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte. «Dobbiamo essere più presenti nel territorio», sussurra un simpatizzante. «Adesso però abbiamo una base da cui partire», replica il suo interlocutore. Anche a volere credere a quest'ultimo è certo che dentro il Movimento catanese adesso comincerà l'ennesimo dibattito interno.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews