Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Affitti, tra questionari e sofa-sharing
«I fuori sede ignorano i loro diritti»

Pagare un canone di locazione in nero a Catania è la regola, più che l'eccezione. Per approfondire il problema, il Movimento studentesco catanese ha preparato una serie di domande sulle abitazioni e messo on line un sito internet dedicato alla condivisione dei posti letto. «Perché per uscire dal mondo degli affitti in nero il modo c'è, basta informarsi»

Luisa Santangelo

Ventisette domande per capire i problemi degli studenti fuori sede che vivono in affitto e un sito internet –  Sofa Sharing – per condividere divani e posti letto tra universitari. Il Movimento studentesco catanese inizia un'altra battaglia e decide di combatterla con un questionario per approfondire il fenomeno e tanta informazione. Stavolta - oltre all'ateneo di Catania - le loro critiche sono rivolte ai «padroni di casa», colpevoli di aver «messo in atto una speculazione senza precedenti sugli appartamenti dati in affitto ai giovani che studiano lontani da casa».

«Quest'anno sono risultati idonei a un posto letto all'interno di una residenza universitaria circa 1600 studenti – spiega Agatino La Rosa del Movimento –. Ma di questi quasi 900 non ce l'hanno». L'Ente regionale per il diritto allo studio universitario, che gestisce le sedi di queste residenze e pubblica le graduatorie, ha a disposizione per l'anno accademico 2011/2012 solo 710 posti letto. «Decisamente troppo pochi rispetto alle richieste e privi di servizi – prosegue La Rosa –. Questo cosa significa? Che chi se lo può permettere va in affitto dai privati, chi non se lo può permettere rinuncia a seguire le lezioni e finisce per pagare le tasse solo per sostenere esami». «Oppure – interviene Matteo Iannitti, Msc pure lui – rinuncia a iscriversi all'università poiché si tratta di un investimento troppo costoso. Con questi presupposti, viene meno il diritto allo studio in sé».

Ma quella degli affitti – regolari, oltre che in nero – è una questione complessa, in continua evoluzione. È del 2011, per esempio, l'introduzione della «cedolare secca», che permette la registrazione del contratto da parte dell'inquilino, senza passare dal proprietario dell'immobile in affitto. «In pratica – continua La Rosa – uno studente che paga una stanza in nero può andare all'Agenzia delle Entrate, presentare i documenti necessari e ottenere un contratto 4+4 senza l'intervento del suo padrone di casa».

Un'altra possibilità è quella del «canone concordato»: deriva da un accordo territoriale tra Comuni e associazioni degli inquilini, che stabiliscono canoni mensili minimi e massimi in base alle caratteristiche di un immobile. Conviene? Pare di sì. «Il problema è la mancanza di informazione – denuncia Iannitti – Nessuno sa cosa può e non può chiedere, e noi siamo qui per informarli, oltre che per sottolineare una colpevole assenza delle istituzioni universitarie in quest'ambito. Borse di studio, posti letto, bandi vari ed eventuali: sono cose collegate, che colano a picco tutte insieme».

[Foto di walknboston]

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×