Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

In tour per salvare la Rai
«Un servizio pubblico demolito»

Ingerenze politiche, problemi editoriali, norme stringenti per la pubblicità. L'azienda non vive il suo momento migliore e per far conoscere ai cittadini problemi e soluzioni i sindacati hanno promosso un lungo giro per l’Italia. Lunedì la tappa catanese, alle 15.30 nell'aula magna dell'ex monastero dei Benedettini

Carmen Valisano

«Siamo sull’orlo del baratro, ma non si tratta solo di problemi economici». Con queste parole Antonello Carbone – giornalista della Rai di Catania e dirigente nazionale dell'Usigrai, l’Unione sindacale dei giornalisti Rai – descrive lo stato attuale dell’azienda televisiva pubblica. «Perdiamo pezzi importanti – continua – come Serena Dandini e Michele Santoro, per fare degli esempi».

Per «incontrare la gente» e far conoscere la difficile realtà dell’azienda, è partito il tour Riprendiamoci la Rai, una serie di incontri in giro per l’Italia che farà tappa lunedì 14 a Catania – alle 15.30 nell'aula magna dell’ex Monastero dei Benedettini – e martedì 15 a Palermo. «Il tour è partito da Roma il 21 giugno scorso. Regione per regione, incontriamo le realtà locali» spiega Carbone. L’iniziativa è promossa dall’Usigrai e appoggiata da tutte le sigle sindacali. All’incontro di lunedì saranno presenti – tra gli altri –  il presidente dell’Usigrai, Carlo Verna, l’esecutivo nazionale del sindacato e Luigi Ronsisvalle della Federazione nazionale della stampa.

I problemi odierni della Rai sono sotto gli occhi di tutti. Carbone parla – attraverso esempi pratici – di una «politica editoriale schizofrenica», come nel caso di Italia sera, rassegna dei telegiornali regionali trasmessa su Rai news 24. Il canale all news, che per denominazione segue il flusso continuo delle notizie, si trova costretto a dover interrompere la programmazione per far spazio ad un programma sostanzialmente freddo.

Ma ci sono problemi ancora più a monte: «Bisogna spiegare ai cittadini perché in questi anni si è demolito questo servizio pubblico. A partire dai fraintendimenti generati dalla cattiva informazione sul canone» spiega Antonello Carbone. Quella che può essere considerata una delle tasse meno amate della storia italiana, infatti, non è stata creata per rimpinguare le casse di viale Mazzini, ma è un’imposta sulla proprietà dell’apparecchio televisivo. «Anche l’emittenza privata ha giovato di una percentuale del canone e continua a farlo». Strettamente legata a questo tema è la questione della pubblicità: «La Rai non può sforare alcuni tetti stabiliti per la raccolta pubblicitaria. Questo significa che la concorrenza, con un programma simile nella stessa fascia oraria, riesce ad incassare anche il triplo delle entrate della Rai».

«Noi non siamo contrari a priori ad un’eventuale privatizzazione – chiarisce il dirigente sindacale – siamo contrari allo smantellamento scientifico. Vogliamo coinvolgere anche la politica, a patto che non ci siano ingerenze». Proprio queste ultime, assieme a problemi editoriali ed economici, hanno indebolito la struttura. «La Rai è diventata un boccone prelibato per i privati. Il cavallo – spiega Carbone, riferendosi alla scultura-simbolo di viale Mazzini – non è morente, ma è già in coma».
Non tutto è perduto, però. La parola d’ordine è «salvaguardare l’azienda - conclude - Ce la mettiamo tutta per cambiare questo percorso e ridare alla Rai il suo ruolo di servizio pubblico».

[Foto di Juan Grosso]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×