Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il disastro Lega, prosegue guerra interna al Carroccio
Carrà-Drago chiedono teste di Attaguile e Cantarella

I sindaci di Acicastello e Motta Sant'Anastasia hanno scritto al commissario Stefano Candiani. Decisivi i numeri venuti fuori dalle Amministrative. «C'è stato uno scollamento tra il partito e la società», ripetono i due. Bollando la gestione come «inetta»

Dario De Luca

A quasi una settimana dalle Amministrative in Sicilia prosegue la faida interna alla Lega. Il partito del ministro dell'Interno Matteo Salvini è uscito dalla competizione elettorale con le ossa rotte: nonostante i risultati incoraggianti delle Politiche, il trend non è stato confermato lo scorso 10 giugnoA spiccare su tutto sono i numeri che arrivano da Catania, con la lista di Noi con Salvini ferma a 2056 voti pari all'1,68 per cento. La rosa di 36 candidati, conti alla mano, ha fatto peggio di tutte le altre compagini. Nonostante la designazione, prima del voto, dell'avvocato Fabio Cantarella, come assessore del neo sindaco Salvo Pogliese. In prima linea in questa lotta intestina ci sono due sindaci leghisti: quello di Acicastello, Filippo Drago, e il collega Anastasio Carrà di Motta Sant'Anastasia. In tandem chiedono un «passo indietro degli attuali vertici catanesi». Destinatario dell'invito è Stefano Candiani, commissario di Salvini in Sicilia e neo sottosegratario proprio al ministero degli Interni.

Insieme a Cantarella, secondo i due sindaci, a doversi fare da parte dovrebbe essere anche Angelo Attaguile. Originario di Grammichele, stesso paese che ha dato i natali a Raffaele Lombardo, con cui ha condiviso una lunga parte del suo percorso politico tra Democrazia cristiana e Movimento per le autonomie. Il partito con cui nel 2013 aveva centrato anche l'elezione alla Camera dei deputati e non replicata a marzo scorso. Fulminato sulla via del Carroccio, Attuaguile è stato una sorta di colonnello di Salvini, guadagnandosi anche un ruolo chiave nel portare la Lega sotto Roma. Adesso però lo spartito sembra cambiato. «I dati che arrivano da Catania sono in controtendenza rispetto a quanto avvenuto nel resto d'Italia - scrivono Drago e Carrà - È indubbiamente frutto del percorso guidato in questi tre anni da Attaguile e Cantarella, che hanno segnato un pauroso scollamento tra il partito e la società». 

Proprio il sindaco di Motta Sant'Anastasia era sceso in campo durante le Regionali del novembre 2017. Per lui quasi cinquemila voti ma niente elezione a palazzo dei Normanni, dove l'unico rappresentante del partito è Tony Rizzotto, anch'egli con un passato nel Movimento delle autonomie di Lombardo. Come se non bastasse, la guerra interna alla Lega, prima del commissariamento, si era estesa anche sul fronte occidentale, passando pure per un'inchiesta giudiziaria della procura di Termini Imerese. In questo caso il muro contro muro è stato tra lo stesso Attaguile e Alessandro Pagano, che a differenza del primo è stato eletto in parlamento. 

«In politica dovrebbe valere ancora il principio del chi sbaglia cede il passo e, se tre indizi sono ormai una prova, è chiaro che non è più possibile consentire agli autori del disastro di continuare ad affondare un contesto in cui, dall'altra parte, c'è un popolo che vorrebbe finalmente partecipare ed essere coinvolto», continuano nella loro nota i due sindaci Drago e Carrà. «L'attuale classe dirigente locale, essendo l'unica causa di questo disastro, prenda atto del fallimento lasciando spazio ad altri dirigenti capaci di interpretare le istanze del popolo della Lega», concludono i due, spingendosi fino a bollare la gestione Cantarella-Attaguile come «inetta ed inefficace».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×